Acquisto prima casa: la Cassazione interviene sul problema residenza

Acquisto prima casa: definizioni

L’universo immobiliare in Italia non vive un periodo felice dal punto di vista fiscale. Eppure, le agevolazioni fiscali sulla prima casa resistono, specie all’atto dell’acquisto. I requisiti per accedervi sono però stringenti, non sempre di naturale e facile comprensione. Tutto ruota al concetto di prima casa. L’acquisto prima casa, per ritenersi tale, deve essere effettuato solo nel caso in cui il compratore risiede già nel Comune dove l’immobile oggetto della trattativa è situato.

Il caso

Acquisto prima casa: la Cassazinoe interviene

Acquisto prima casa: un caso particolare

La Cassazione ha emesso una sentenza su un caso singolare ma che può rappresentare un interessante precedente. La storia è la seguente: un padre abita con il figlio, che però ha la residente in un Comune diverso, precisamente nello stesso Comune dove abita la madre. Il padre compra un immobile e lo destina al figlio, che ne diventerà l’unico proprietario. Ebbene, l’acquisto non è passibile delle agevolazioni tipicamente usufruibile in questi casi. Il motivo è semplice: il figlio non risiede de jure nello stesso Comune dell’immobile acquistato, anche se de facto ci abita. Dunque l’immobile non può essere considerato “prima casa” e le agevolazioni non possono scattare. Per i protagonisti della vicenda non c’è più niente da fare: quel che conta è la residenza del futuro proprietario al momento dell’acquisto.

Le agevolazioni in ballo erano due: lo sconto del 3% sull’imposta di registro e imposta ipocatastale in versione fissa.

La sentenza

La sentenza è stata emessa, come già accennato, dalla Cassazione ed è identificabile con la denominazione “3384 del 12 febbraio 2013).

La questione acquisto prima casa è materia, dicevamo, complessa. Per saperne di più sullo stato delle agevolazioni consultate Agevolazioni prima casa: resistono nonostante tutto .  Se volete saperne di più, invece, sull’imposta di registro – valevole per tutti gli acquisti – consultate Imposta di registro prima casa: cosa c’è da sapere.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli recenti