Acquisto prima casa: guida pratica

L’acquisto prima casa è un articolato percorso che può essere comodamente sintetizzato nello svolgimento di alcune fasi di attività che vanno dalla scelta dell’immobile fino all’acquisto vero e proprio.

Tali fasi sono:

  1. la trattativa precontrattuale
  2. la proposta di acquisto
  3. il contratto preliminare
  4. il contratto definitivo o rogito notarile
  5. La fase precontrattuale
Se siete interessati ad approfondire l’argomento relativo alle agevolazioni prima casa, si consiglia la lettura dei seguenti articoli di approfondimento: “Agevolazioni prina casa: quali requisiti?” e “Agevolazioni acquisto prima casa: quadro riepilogativo” 

La trattativa precontrattuale

Acquisto prima casa: guida pratica

Acquisto prima casa: guida pratica

In questa fase, che precede la stipula del contratto per l’acquisto prima casa, le parti si accordano sul prezzo, le modalità di pagamento ed ogni altro aspetto che rimarrebbe in sospeso tra il contratto preliminare ed il rogito.

La proposta di acquisto

La proposta di acquisto impegna impegna il proponente ma non ancora il venditore. Con la proposta di acquisto, inoltre, l’acquirente formalizza, per iscritto, l’intenzione di acquistare l’immobile ad un dato prezzo.

Il contratto preliminare

Questo contratto, ai fini dell’acquisto prima casa,  anticipa quello definitivo e ci si obbliga al trasferimento della titolarità del bene, che avverrà con la stipula del contratto definitivo. In particolare, questo atto dovrà contenere i seguenti elementi:

  1. L’individuazione del proprietario e dell’acquirente
  2. La descrizione dell’immobile come risulta dal certificato catastale
  3. Il prezzo di vendita e le modalità di pagamento
  4. Il termine entro il quale le parti stipuleranno il rogito
  5. Il nome del notaio che dovrà occuparsi del rogito
Inoltre, il contratto preliminare deve contenere anche:
  1. la descrizione degli obblighi a carico del venditore e dell’acquirente;
  2. le condizioni di compravendita e le garanzie della stessa
  3. i documenti di provenienza del bene;
  4. l’esistenza o meno di vincoli ipotecari
  5. la situazione urbanistica dell’immobile
  6. i tempi di consegna dell’immobile.

Il rogito notarile

Il rogito è l’atto conclusivo della vendita con il quale avviene il trasferimento della proprietà. La scelta del notaio spetta all’acquirente che ha l’obbligo di accollarsi le spese notarili.

 

Pubblicità