Acquisto prima casa: il Tfr è una risorsa

Acquisto prima casa: un sogno difficile da realizzare

Il cosiddetto “mattone” non sta vivendo un periodo felice in Italia. Il volume delle vendite è crollato. Le famiglie non riescono a comprare perché le banche concedono pochi mutui, chiedono garanzie assurde, e non coprono il 100% del prezzo dell’immobile (alcune Regioni si stanno attrezzando, per sapere di più consultate Mutui prima casa: convenzione Gepafin-Banche per la riduzione dei tassi e Mutuo prima casa: la Regione Toscana interviene). Eppure esistono stratagemmi per portare a termine la difficile missione “acquisto prima casa“. Uno di questo è richiedere l’anticipo del Tfr. Come fare?

L’anticipo del Tfr

Acquisti prima casa: la questione Tfr

Acquisto prima casa: il Tfr è una risorsa

Il cittadino può utilizzare parte del suo futuro Tfr per acquistare la prima casa e raggiungere il fatidico 100% del prezzo. Il Tfr come una sorta di integrazione, dunque.  Questa particolare agevolazione è regolata dall’articolo 2120 del Codice Civile, che appunto espone “la disciplina di trattamento di fine rapporto”.

I requisiti sono per utilizzare il Tfr non sono molti. Possono richiedere l’anticipo del Tfr solo gli acquirenti che lavorano da almeno otto anni presso lo stesso datore di lavoro. Inoltre, l’anticipo può essere “speso” solo per l’acquisto prima casa. Infine, lo “strumento tfr” può essere utilizzo solo se l’acquirente e il lavoratore che ritira il Tfr sono la stessa persona. Insomma, un padre di famiglia non può utilizzare il Trattamento di Fine Rapporto per il figlio che acquista la sua prima casa.

Non è possibile ritirare tutto il Tfr, ma solo il 70% del Tfr maturato fino al momento dell’acquisto dell’immobile.

Gli obblighi del datore di lavoro

Il datore di lavoro è obbligato ad accettare la richiesta di anticipo. E’ esonerato solo se nel corso degli ultimi dodici mesi ha accettato le richieste di un certo numero di dipendenti (il 4% del totale per le aziende tra i 25 e i 100 dipendenti, il 10% per le aziende dai 100 in su).

Pubblicità