Acquisto prima casa: quadro sintetico delle agevolazioni

Pubblicità

Acquisto prima casa: generalità

A partire dal 1982 il Governo Italiano, per contrastare il dilagante fenomeno del disagio abitativo, ha istituito una serie di agevolazioni per facilitare l’acquisto prima casa, soprattutto per le fasce più deboli della popolazione. Per usufruire di tali agevolazioni fiscali è, tuttavia, necessario possedere una serie di requisiti:

  1. non essere in possesso di un altro immobile già acquistato con le agevolazioni prima casa;
  2. non essere proprietario o usufruttuario o anche nudo proprietario di alcun immobile abitativo nello stesso comune in cui si decide di acquistare l’immobile;
  3. avere la residenza nel comune, o in alternativa, dichiarare di volerla stabilire entro 18 mesi dall’acquisto, nel comune in cui è situato l’immobile che si intende acquistare.

Non ultimo, l’immobile da acquistare non deve essere qualificato come immobile di lusso, secondo i criteri stabiliti dal D.M. 2 agosto 1969.

Acquisto prima casa tutte agevolazioni
Acquisto prima casa tutte agevolazioni

All’interno del nostro portale è presente una sezione dedicata all’acquisto prima casa, che raccogliere tutte le procedure, le modalità di richiesta, i canali di comunicazione, i requisiti, le cause di decadenza, i casi particolari riguardanti l’acquisto prima casa. Nel paragrafo seguente riporteremo invece una sintesi delle agevolazioni previste e delle principali cause di decadenza dai suddetti benefici.

Quali sono le agevolazioni previste

Le agevolazioni previste per l’acquisto prima casa sono riportate di seguito:

  1. applicazione dell’imposta di registro con l’aliquota del 3%, invece del 7%;
  2. pagamento dell’IVA al 4% invece del 10%;
  3. pagamento delle imposte ipotecarie e catastali (tra cui l’imposta di registro prima casa) nella misura fissa di 168 euro invece de 2% o 1%.

In quali casi decadono le agevolazioni

Le agevolazioni per acquisto prima casa decadono se si verifica una o più delle seguenti circostanze:

–          Le dichiarazioni rese all’atto dell’acquisto risultano false;

–          l’acquirente non trasferisce la residenza entro i 18 mesi dall’acquisto;

–          l’acquirente dona o vende la casa prima dei 5 anni dalla data di acquisto.

 

Pubblicità

Be the first to comment

Leave a Reply