Agevolazioni prima casa cittadino italiano residente all’estero

Pubblicità

Agevolazioni prima casa cittadino italiano residente all’estero

Il cittadino italiano residente fuori dai confini nazionali può beneficiare delle agevolazioni prima casa anche il cittadino italiano residente all’estero come previsto dalla legge: questo soggetto ha la facoltà  di beneficiare dell’agevolazione prima casa se in possesso dei requisiti soggettivi ed oggettivi, in quetso modo si ha la possibilitò di acquistare un’abitazione in qualsiasi Comune del territorio nazionale. I principali requisiti riguardano il non possesso in quel Comune della titolarità di un’altra abitazione, come anche il non possesso in tutto il territorio nazionale della titolarità di altra abitazione acquistata con le agevolazioni del pacchetto prima casa. In quanto residente all’estero, non è necessario che lavori o risieda entro 18 mesi nel Comune dove si trova il bene immobiliare oggetto di acquisto agevolato.  Per quanto riguarda la documentazione di italiano residente all’estero non è necessario attestare tale condizione con un certificato di iscrizione all’Aire (l’anagrafe degli italiani residenti all’estero) basta semplicemente presentare una autocertificazione dell’interessato (articolo 46 dpr 445/2000). Per altre informazioni si rimanda alla lettura di http://www.notaio-busani.it/it-IT/Lacquisto-del-cittadino-italiano-residente-allestero.aspx.

Riacquisto all’estero agevolazione casa

agevolazioni prima casa cittadino italiano residente all'estero
agevolazioni prima casa cittadino italiano residente all’estero

In caso di trasferimento per atto a titolo oneroso o gratuito del bene immobiliare acquistato usufruendo delle agevolazioni casa, prima del decorso del termine di cinque anni dalla data di acquisto del bene immobiliare in precedenza acquistato si determina la decadenza della stessa agevolazione; va precisato che tale beneficio fiscale non decade se il contribuente, entro un anno dall’alienazione del bene immobiliare agevolato, proceda ad acquistare un altro immobile da destinare a propria abitazione principale. Inoltre non si va incotro a decadenza dell’agevolazione prima case nel caso in cui il bene immobiliare acquistato sorge nel territorio di uno Stato estero, a patto che siano attivi degli specifici strumenti di cooperazione amministrativa che hanno lo scopo di verificare l’effettivo impiego del bene immobiliare come abitazione principale del proprietario della casa.

Pubblicità

Be the first to comment

Leave a Reply