Agevolazioni prima casa: successione e donazione dell’unità immobiliare

Pubblicità

Successione e donazione in presenza di agevolazioni prima casa

Sul tema delle agevolazioni prima casa ed in particolare dei casi di successione e donazione di un unico immobile ad una molteplicità di eredi o di donatari beneficiari, a marzo delle scorso anno, sono state fornite precise indicazioni da parte dell’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 33/E del 15/03/2011. Lo staff di Agevolazioni Prima Casa ha voluto approfondire quanto riportato nel suddetto documento per offrirvi una guida puntuale e sintetica che chiarisca ulteriormente l’argomento trattato. Per avere ulteriori informazioni riguardanti le suddette agevolazioni fiscali consultare l’articolo Acquisto prima casa: agevolazioni per l’acquisto della prima casa.

Condizioni e modalità di accesso per mantenere le agevolazioni prima casa

Agevolazioni prima casa - successione o donazione
Agevolazioni prima casa – successione o donazione

In primo luogo, l’Agenzia delle Entrate chiarisce un primo importante aspetto citando l’art. 69, terzo comma, della Legge n.342/2000, specificando come, anche nei trasferimenti occorsi nei casi di donazione o successione, le imposte catastali siano applicate in misura fissa a patto che ricorrano le seguenti condizioni in caso di beneficiario singolo o di più beneficiari:

  • nel caso di unico beneficiario, lo stesso soggetto deve essere in possesso dei requisiti previsti per l’accesso alle agevolazioni;
  • nel caso di molteplicità di beneficiari, almeno uno di essi deve possedere i requisiti di accesso alle agevolazioni.

Al comma successivo (il quarto), si specifica inoltre che il soggetto interessato dovrà presentare una dichiarazione, all’interno del documento attestante la donazione, o una dichiarazione sostitutiva ai sensi degli artt. 46 e 47 del DPR 445 del 2000 allegata alla dichiarazione di successione, nella quale dovrà dichiarare il possesso dei requisiti suddetti. Si percepisce pertanto, da quanto descritto pocanzi, la volontà, da parte del soggetto legislatore, di estendere il beneficio derivante dalle agevolazioni anche a quei soggetti, destinatari dell’atto di donazione o successione, che non siano in possesso dei requisiti, dando pertanto particolare rilevanza al possesso degli stessi in capo al soggetto donatore e ad un unico soggetto erede.

Perdita delle agevolazioni prima casa

In relazione a quanto sopra riportato, l’Agenzia delle Entrate fornisce ulteriori indicazioni spiegando come, in presenza di dichiarazioni mendaci o nel caso di decadenza dai requisiti di accesso alle agevolazioni da parte del dichiarante, la perdita del beneficio non ricada solo sul dichiarante stesso, ma su tutti gli eredi o donatari che avevano beneficiato delle agevolazioni.

Pubblicità

2 Commenti

  1. Salve, sono emigrato in GB iscritto all’AIRE ed ho ereditato la casa di mia madre, dove vivo quando torno in Italia; per successione ho avuto modo di usufruire delle agevolazioni pertinenti all’articolo L’ art. 69 della legge 21 novembre 2000 n. 342.
    La legge di cui sopra non specifica pero’ la sua applicabilita’ all’emigrato, nonostante le agevolazioni prima casa siano estese agli emigrati per quanto riguarda l’acquisto, come attestato nella cfr. circolare n. 19/E del 1 marzo 2001
    Mi chiedo quindi se, come emigrato, la casa ereditata da mia madre per successione e tuttora unica mia proprieta’ in Italia e bene abitativo non di lusso si possa considerare legalmente prima casa e possa usufruire delle agevolazioni fiscali annesse.
    Il comune di Valdobbiadene mi ha fatto pagare l’IMU come seconda casa in quanto residente all’estero perche’ ha deciso che i residenti AIRE non possono usufruire delle agevolazioni di cui sopra.
    Puo’ il suddetto comune fare cio?
    Vi sarei grato se poteste darmi informazioni al riguardo.
    Cordialmente

    • Buongiorno,

      come già accennato in precedenti post, ai fini IMU, è da prendere in considerazione la definizione di abitazione principale contenuta nella relativa disposizione normativa; per abitazione principale si intende l’immobile nel quale il contribuente ed il suo nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica.

      Un saluto,

      GD

Leave a Reply