Agevolazioni prima casa successione: requisiti e particolarità

Agevolazioni prima casa successione: le differenze

Le agevolazioni sulla prima casa rappresentano un valido aiuto per coloro che, magari per formare una famiglia, intendano acquistare un immobile senza sperperare i propri risparmi in tasse (per saperne di più consultate Agevolazioni acquisto prima casa: una guida). Alcune tasse, poi, fanno più paura di altre, come l’imposta di registro che può imporre un esborso di qualche migliaia di euro (per saperne di più consultate Imposta di registro prima casa: istruzioni ed esempi per calcolarla).

Le agevolazioni, comunque, non interessano solamento l’acquisto, ma anche altre forme di transazione come la successione e la donazione. Ecco qualche chiarimento sulle agevolazioni prima casa successione.

I requisiti

Agevolazioni prima casa successioni: info

Agevolazioni prima casa successioni: una panoramica

Per successione si intende il passaggio dell’immobile sottoforma di eredità. Per donazione si intende proprio quello che riferisce il senso letterale: la donazione di un bene ad una persona senza la necessità che vi siano legami di parentela o altro.

Le agevolazioni per la successione e per la donazioni sono identiche alle agevolazioni per l’acquisito, sempre che si tratta di prima casa. Analogamento, anche i requisiti sono gli stessi.

Inoltre, l’immobile oggetto dell’operazione non deve appartenere alla categoria di lusso, così come disciplinato dal decreto del 2 agosto 1969.

Le particolarità

Se nel caso delle succesioni non vi sono stranezze da segnalare, il discorso cambia se si va parla della donazione. Nel caso in cui la donazione abbai più destinatari, è sufficiente che uno solo di loro possegga i requisiti adatti, sostanziando l’agevolazione anche per i restanti “donandi”.

 

Pubblicità