Bonus ristrutturazione casa 2015: la proroga delle detrazioni

Bonus ristrutturazione casa 2015
Bonus ristrutturazione casa 2015
Pubblicità

Bonus ristrutturazione casa 2015: il rimaneggiamento

Da quanto stabilito dal Governo con la delibera della legge di Stabilità, in vista del 2015, è stato pattuito che il bonus ristrutturazione casa è soggetto ad una proroga valida per tutto il prossimo anno per cui il contribuente potrà applicare la relativa detrazione Irpef pari al 50% nel caso in cui decide di sottoporre l’immobile che funge da prima casa a dei lavori di ristrutturazione di tipo edilizio, ma le detrazioni sono valide anche sull’acquisto di mobili e su grandi elettrodomestici. Non cambia poi la percentuale della spesa detraibile sul fronte Irpef ed Ires che per quanto concerne i lavori per il risparmio energetico qualificato resta anche per il prossimo anno pari al 65%.  Invece hanno subito delle modifiche le detrazioni applicabili in caso di sugli interventi antisismici qualificati, è prevista una riduzione della detrazione Irpef ed Ires dal 65% al 50% per i pagamenti del 2015. Per altre informazioni si rimanda alla lettura del’articolo Ristrutturazione casa costo e risparmio energetico.

I cambiamenti anticipati per il 2016

Bonus ristrutturazione casa 2015
Bonus ristrutturazione casa 2015

Avvalendosi così della detrazione Irpef del 50% il contribuente potrà ottimizzare le spese sostenute nel caso in cui ha sottoposto un immobili ad uso residenziale ad interventi di recupero del patrimonio edilizio, sotto questa dicitura sono compresi lavori di manutenzioni, interventi di ristrutturazione interna ed esterna, opere di restauro e di risanamento conservativo. Da quanto decretato dalla legge di Stabilità quindi le detrazioni del 50%, in vigore dal 26 giugno 2012, saranno valide fino alla fine del 2015. Questo nuovo orientamento, almeno per il momento, accantona la precedente decisione che si stava delineando all’orizzonte secondo la quale le spese sostenute nel 2015 dovessero subire una riduzione del 10 per cento scendendo così al 40%. Per quanto concerne il limite massimo di spesa per singola unità immobiliare esso si conferma fisso ai 96mila euro fino alla fine del 2015. L’importo massimo della detrazione per singola unità immobiliare, quindi, sarà di 48mila euro sino a fine 2015 e di 17.280 dal 2016 in poi. A partire però dal 1° gennaio 2016 è prevista l’applicazione della percentuale ordinaria del 36% sul fronte delle detrazioni relative ai lavori di ristrutturazione; invece il tetto massimo delle spese di ristrutturazioni detraibili si abbassa a quota 48mila euro a partire dal 2016. Altre notizie su Bonus ristrutturazione casa e decreto legge Sblocca-Italia.

Pubblicità

Be the first to comment

Leave a Reply