Bonus ristrutturazione casa e bonus mobili

Bonus ristrutturazione casa: quote annuali

Per effettuare i lavori di edilizia si può richiedere lo specifico bonus ristrutturazione casa da quanto fissato dal decreto legge 63 del 4 giugno 2013, ed in seguito anche dalla legge di stabilità per cui è prevista a partire dal 2014 una detrazione del 50% sulle spese sostenute relative alla ristrutturazione sulla prima casa, ma anche nel caso di acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ e per le apparecchiature dotate di etichetta energetica, anche in questo caso l’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione deve essere l’abitazione principale. Il bonus ristrutturazione casa si articola in 10 quote annuali di pari importo, inoltre la detrazione viene calcolata su una somma complessiva che non deve risultare superiore a 10.000 euro. In riferimento invece alle prestazioni di servizi per la ristrutturazione di tipo edilizio su un immobile abitativo privato si applica l’aliquota Iva agevolata del 10%. Per approfondimenti si rimanda alla lettura dell’articolo Spese ristrutturazione casa: le detrazioni.

Bonus Mobili 2014

bonus ristrutturazione casa

bonus ristrutturazione casa

Tra le altre agevolazioni utili in questo periodo di indigenza economica per diversi cittadini italiani si può inoltre usufruire del Bonus Mobili 2014: attraverso questa forma di incentivi si può ottenere dunque una detrazione quando il contribuente presenta la dichiarazione dei redditi. Per poter ottenere queste agevolazioni le spese devono essere documentate attraverso la custodia delle ricevute che accertano i relativi acquisti effettuati, a patto che si tratti di arredi da destinare ad una casa principale oggetto di ristrutturazione. Tra le modifiche dell’ultimo periodo bisogna segnalare quelle apportate dal Governo Renzi che ha annunciato delle correzioni in riferimento alla Legge di Stabilità 2014, le modifiche riguardano la somma da spendere in riferimento all’acquisto di arredi: si affranca la spesa per l’acquisto degli arredi da detrarre con il Bonus Mobili da quella affrontata per le ristrutturazioni di tipo edilizio. Ulteriori informazioni si trovano su Bonus ristrutturazione casa ed adeguamento antisismico.

Pubblicità