Bonus ristrutturazione casa ed adeguamento antisismico

bonus ristrutturazione casa
bonus ristrutturazione casa
Pubblicità

Bonus ristrutturazione casa: novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2014

Una serie di detrazioni fiscali possono essere richieste in sede di dichiarazione dei redditi avvalendosi del cosiddetto bonus ristrutturazione casa che può essere ottenuto in caso di lavori di ristrutturazione edilizia degli edifici. Rientrano poi nel bonus ristrutturazioni quindi quegli interventi, alla luce delle novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2014, svolti dal 26 giugno 2012 fino al 31 dicembre 2014, in questo caso si ha diritto alle agevolazioni di natura fiscale potendosi avvalere della detraibilità Irpef pari al 50% su una spesa massima di 96 mila euro. Alcuni cambiamenti sono per il 2015 quando la detrazione Irpef scenderà al 40% su un tetto massimo di spese fino a 96 mila euro, mentre dal 2016 il bonus tornerà ad attestarsi all’aliquota ordinaria pari al 36% su una spesa massima dell’importo di 48 mila euro. Per quanto riguarda il futuro immediato, fino al 31 dicembre 2014, i cittadini possono usufruire della detrazione del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ per acquisti destinati a costituire il mobilio di costruzioni ristrutturate prevedendo come tetto massimo una spesa pari a 10 mila euro. Per maggiori informazioni si rimanda all’articolo Ristrutturazione casa costo: quando è possibile applicare il bonus.

Adeguamento antisismico agevolazioni

bonus ristrutturazione casa
bonus ristrutturazione casa

Il bonus ristrutturazione casa prevede degli sgravi di natura fiscale anche in relazione agli interventi di adeguamento antisismico di beni immobiliari destinati ad essere abitazioni principali oppure ad ospitare delle attività produttive, a patto che questi edifici sorgano in zone ad alto rischio sismico. L’accesso al bonus ristrutturazioni anche in relazione agli eventuali interventi di ristrutturazione edilizia su edifici , da quanto stabilito dalla Legge di Stabilità 2014, è consentito quindi su quegli edifici che si trovano in aree geografiche ritenute ad alta pericolosità sismica ed in questo caso la detrazione da applicare ammonta al 65% per le spese sostenute dal 4 agosto 2013 al 31 dicembre 2014 con un tetto di 96mila euro. Per approfondimenti si rimanda alla lettura dell’articolo Ristrutturazione prima casa e novità per il 2015.

Pubblicità

Be the first to comment

Leave a Reply