Calcolo rata mutuo: come si effettua?

Ravvedimento operoso imposta di registro: info
Ravvedimento operoso imposta di registro: dettagli
Pubblicità

Calcolo rata mutuo: operazione preliminare e necessaria

Accendere e soprattutto sostenere un mutuo è sempre un atto dispendioso (per saperne di più consultate Mutui prima casa: convengono ancora?). Accendere un mutuo, analogamente, è sempre un atto che comporta un certo rischio. E’ necessario prevedere per quanto possibile l’entità di tale rischio. E’ necessario, dunque, conoscere la rata del futuro mutuo. L’operazione “calcolo rata mutuo” è semplice da fare, se sai come farla. Di seguito, ecco le istruzioni per calcolare la rata del mutuo. 

Le operazioni

Calcolo rata mutuo: ecco come fare
Calcolo rata mutuo: le operazioni necessarie

Innanzitutto, è necessario specificare che le informazioni circa l’entità della rata del mutuo vengono rilasciate direttamente dall’istituto di credito. Ciò viene fatto, però, solamente una volta chiesto il preventivo, che in genere ha un costo non sempre contenuto. Da qui il senso di eseguire in maniera autonoma l’operazione “calcolo rata mutuo”. Ma veniamo al sodo.

Per effettuare il calcolo bisogna conoscere l’entità di alcuni parametri. Questi sono:

1) C. Ossia il capitale (l’importo del finanziamento).

2) Ta. Il tasso di riferimento.

3) Pa. Periodi annui (il numero delle tasse che si intende pagare nel corso di un anno).

4) A. Numero di anni complessivi in cui verrà rimborsato il capitale.

Una volta ricavati questi dati, si può procedere al calcolo in senso stretto. Si tratta di un espressione da terza media, non fatevi spaventare da parentesi e frazioni.

C x (1 + TA / PA)(PA x A)
per 
TA / PA
————————
(1 + TA / PA)(PA x A) -1

Altre riflessioni

Il mutuo è spesso una strada obbligata per chi vuole acquistare una casa, specie se si tratta di prima casa. Eppure le banche chiedono garanzie sempre più proibitive. Per questo, alcune amministrazioni stanno venendo incontro ai cittadini, ponendosi come garanti o, semplicemente, finanziando con appositi fondi i mutui degli aventi diritto (l’amministrazione si sostituisce dunque all’istituto di credito). Per saperne di più consultate Mutuo prima casa: la Regione Toscana interviene.

Pubblicità

Be the first to comment

Leave a Reply