Calcolo spese acquisto prima casa: con e senza agevolazioni

Imposta di registro calcolo: una panoramica
Imposta di registro calcolo: info
Pubblicità

Calcolo spese acquisto prima casa: una panoramica

L’acquisto della prima casa comporta una marea di spese che non esulano, ovviamente, dal mero valore della casa. Va fatta tanta “burocrazia”, che si traduce in un carico fiscale non indifferente. Tra le spese da affrontare spicca soprattutto quella sull’imposta di registro (per un focus sull’argomento consultate Ravvedimento imposta di registro: numeri e consigli). C’è da dire che intervengono in soccorso dell’acquirente alcune importanti agevolazioni proprio in occasione dell’acquisto della prima casa, dalle quali comunque si può decadere (per saperne di più consultate Ravvedimento imposta di registro: numeri e consigli).

Qui di seguito, una panoramica per il calcolo spese acquisto prima casa, sia nel caso ci siano le agevolazione sia nel caso opposto.

Numeri ed esempi

calcolo spese  acquisto prima casa: una panoramica
Calcolo spese acquisto prima casa: info e consigli

Le imposte da pagare sono 1) l’imposta catastale; 2) l’imposta ipotecaria; 3) l’imposta di registro. Prima di ogni calcolo occorre conoscere:

1) la rendita catastale rivalutata :rendita catastale più il 5%.

2) il valore catastale. In caso di agevolazione: rendita catastale rivalutata moltiplicata per 110. Senza agevolazione: rendita catastale rivalutata moltiplicata per 110.

Ecco come si calcolano le imposte

Imposta di registro. In caso di agevolazione: valore catastale ridotto al 3%. Senza agevolazione: rendita catastale ridotta al 7%.

Imposta catastale. In caso di agevolazione: 168 euro fissi. Senza agevolazione: rendita catastale rivalutata ridotta all’1%.

Imposta ipotecaria. In caso di agevolazione: 168 euro fissi. Senza agevolazione: rendita catastale rivalitata ridotta al 2%.

Differenze

La differenza tra il carico fiscale in caso di agevolazione e in caso di non agevolazione (ottenuto tramite il calcolo spese acquisto prima casa) è enorme. Per un immobile dal dalla rendita catastale di 500 euro si andrà a pagare, in caso di agevolazioni, 2.068 euro; e in caso di non agevolazione, 6.330 euro.

Dunque incrociate le dita e sperate di avere i requisiti per le agevolazioni. Il risparmio è praticamente del 70%.

 

Pubblicità

Be the first to comment

Leave a Reply