Mutui prima casa – Requisiti per la detrazione interessi passivi

Pubblicità

Mutui prima casa – Detrazione interessi passivi: Generalità

In relazione alle agevolazioni prima casa ed in particolare al tema dei mutui prima casa, la normativa riconosce ai cittadini del nostro paese interessati all’acquisto della prima casa e alla stipula di un mutuo, la detrazione dei relativi interessi passivi, così come descritto nel dettaglio nell’articolo Mutui prima casa: guida alla detrazione degli interessi passivi. Nel corso del presente articolo lo staff di Agevolazioni Prima Casa . Info descriverà in maniera esatta i requisiti necessari per l’accesso ai suddetti benefici fiscali.

Mutui prima casa – Detrazione interessi passivi: Requisiti di accesso

Per accedere alle agevolazioni fiscali previste per la stipula del mutuo prima casa, sarà necessario rispettare le condizioni riportate di seguito:

  • il mutuo dovrà essere stipulato nei 12 mesi precedenti o successivi all’acquisto dell’unità immobiliare (sarà possibile anche stipulare un contratto di mutuo ex-novo, ma in questo caso la detrazione degli interessi passivi rimarrà vincolata al valore del capitale residuo da pagare; per ulteriori informazioni si suggerisce la lettura del paragrafo 7 della Circolare n.34 del 4 aprile 2008 dell’Agenzia delle Entrate dal titolo “Detrazione interessi dipendenti da mutuo contratto per la costruzione o per acquisto dell’abitazione principale);
  • il mutuo dovrà essere erogato da una organizzazione, un ente o un soggetto residente sul territorio nazionale (o da un soggetto non residente in Italia ma con una organizzazione stabilmente presente in Italia) o in qualsiasi altro Paese membro dell’Unione Europea;

    Detrazione mutui prima casa requisiti
    Detrazione mutui prima casa requisiti

  • l’immobile dovrà essere adibito ad abitazione principale entro e non oltre dodici mesi dall’acquisto dell’immobile stesso (la normativa consente una deroga al presente requisiti nel caso l’immobile sia oggetto di locazione o di attività di ristrutturazione edilizia); si segnala che il concetto di “abitazione principale” differisce in maniera sostanziale da quello di “prima casa” (per ulteriori informazioni a riguardo consultare l’articolo Abitazione principale o Prima Casa: che differenza c’è?);

Dall’anno 2001 la detrazione degli interessi passivi per i mutui spetta anche nei seguenti casi:

  • l’immobile, sempre adibito ad abitazione principale, è sottoposto a ristrutturazione edilizia entro due anni dalla data di acquisto;
  • l’acquirente ha acquisto un’unità immobiliare con contratto di locazione e, entro tre mesi dalla data di acquisto, ha notificato al locatario la conclusione del contratto suddetto; una volta ottenuto il rilascio dell’immobile l’acquirente deve inoltre adibire ad abitazione principale l’unità immobiliare acquistata entro un anno dalla data di acquisto;
  • l’acquirente trasferisce il proprio domicilio presso altro indirizzo per motivi di lavoro oppure presso presidi sanitari o di ricovero per motivi di salute e l’immobile acquistato non sia stato locato a terzi.
Pubblicità

3 Commenti

  1. Sto acquistando una seconda casa e , non riuscendo a vendere la prima ad un prezzo ragionevole, sto considerando l’idea di affittarla. Qualora non riuscissi a venderla, e mi trasferissi nel nuovo appartamento, potrei usufruire delle detrazioni prima casa per il nuovo immobile? Grazie

Leave a Reply