Detrazioni fiscali sui lavori di ristrutturazione condizione necessaria

Detrazioni fiscali sui lavori di ristrutturazione condizione necessaria

Per poter usufruire delle detrazioni fiscali sui lavori di ristrutturazione la condizione necessaria è rappresentata dalla stessa esistenza dell’edificio, per cui i lavori di risanamento o di ristrutturazione devono essere eseguiti su fabbricati di tipo residenziale o su parti di edifici. Nello specifico per poter documentare l’esistenza di un edificio si deve avviare la richiesta di accatastamento, oppure si può accertare attraverso la ricevuta di pagamento dell’IMU. Questo genere di detrazione è relativa al tipo d’intervento di ristrutturazione da dover effettuare, tra gli altri elementi da valutare ci sono anche il periodo in cui è stato eseguito l’intervento e la spesa sostenuta per i lavori tenendo conto del limite fissato dal tetto massimo delle detrazioni applicabili. In particolare, le spese che possono usufruire delle agevolazioni fiscali riguardano la riqualificazione energetica dei beni immobiliari, l’acquisto di mobili, l’acquisto di grandi elettrodomestici di classe energetica non inferiore ad A+ da destinare all’arredo di edifici da ristrutturare. Per altre informazioni si rimanda alla lettura di Ristrutturazione prima casa agevolazioni fiscali governative.

Come si perde la detrazione

detrazioni fiscali sui lavori di ristrutturazione condizione necessaria

detrazioni fiscali sui lavori di ristrutturazione condizione necessaria

Tra le spese che si possono affrontare con l’applicazione della ristrutturazione casa ci sono delle specifiche categorie di interventi quali: l’acquisto di materiali per realizzare i lavori di ristrutturazione; le commissioni per le prestazioni del professionista che esegue la manutenzione; le spese di perizie e sopraluoghi; il pagamento dell’imposta di bollo e della tassa per le concessioni edilizie. Chi beneficia di queste agevolazioni fiscali può perdere la detrazione quando non rispetta il corretto iter, in particolare se non provvede a presentare la comunicazione all’Asl competente quando questa procedura risulta essere obbligatoria; le detrazioni si perdono anche nel caso in cui non vengono mostrate le fatture delle spese dei materiali o dei lavori eseguiti per ristrutturare la casa, oppure quando non presenta la ricevuta del bonifico bancario che attesta la causale; la perdita delle agevolazioni può verificarsi anche se i lavori edili non rispettano le norme specifiche che regolamentano questo settore. Maggiori notizie su Ristrutturazione prima casa e contributi regionali.

Pubblicità