Imposta di registro contratto di locazione commerciale: per regolare la registrazione

imposta di registro contratto di locazione commerciale
imposta di registro contratto di locazione commerciale
Pubblicità

Imposta di registro contratto di locazione commerciale

Il contratto di locazione dell’immobile in cui si svolge un’attività d’impresa è quello di tipo commerciale, anche questa formulazione di affitto richiede il pagamento della relativa imposta di registro contratto di locazione commerciale. Il contratto di locazione commerciale viene disciplinato dal Codice Civile, inoltre bisogna far riferimento agli articoli 27 e seguenti L. 392/78, si tratta della disciplina che ha come oggetto le locazioni adibite ad attività industriali, commerciali, artigianali, turistiche. Per avviare la regolare registrazione del suddetto contratto è necessario informarsi sulle relative imposte da pagare, per non incorrere in eventuali problemi. Quando si procede con la registrazione del contratto si può scegliere di pagare l’imposta di registro l’intero periodo della locazione di tipo commerciale così facendo è possibile ottenere degli sconti sulla tassa. Con il pagamento dell’imposta di registro si ultimano le pratiche di registrazione del contratto d’affitto e si conferisce ad esso il carattere legale, nello specifico il pagamento della tassa di registro è pari al 2% rispetto al canone annuo pattuito tra locatore e conduttore. Ulteriori notizie si trovano su Calcolo imposta di registro contratti di locazione ed immobili strumentali.

Locazioni di immobili strumentali per natura

imposta di registro contratto di locazione commerciale
imposta di registro contratto di locazione commerciale

L’imposta di registro sui contratti di locazione commerciale riguardano quindi quegli immobili strumentali per natura, dal momento che sono destinati ad un uso di tipo professionale. In riferimento a questo tipo di immobili è necessario effettuare il pagamento dell’imposta di registro nella misura proporzionale dell’1%, indipendentemente dal regime di esenzione o di imponibilità dell’Iva. Trattandosi di locazioni di immobili strumentali per natura, il pagamento deve essere fatto direttamente dai locatori in quanto risultano essere soggetti Iva, se invece il locatore non è soggetto all’imposizione dell’Iva, deve comunque essere pagata l’imposta di registro, in questo caso l’aliquota prevista per le locazioni è pari al 2%. Per altre informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Calcolo imposta di registro contratti di locazione e pagamenti.

Pubblicità

Be the first to comment

Leave a Reply