Imposta di registro prima casa iter burocratico

imposta di registro prima casa
imposta di registro prima casa
Pubblicità

Imposta di registro prima casa

L’imposta di registro si caratterizza per il fatto di essere un’imposta d’atto ossia relativa a degli specifici oneri di tipo giuridico che possono essere oggetto di registrazione, quindi l’imposta di registro va pagata anche nel caso di acquisto della prima casa. In base al DPR n. 131 del 26 aprile 1986 viene definito l’ambito oggettivo di applicazione dell’imposta di registro facendo riferimento all’iter burocratico con cui si procede con la registrazione dell’atto in questione. In base l’art. 1 del dpr n. 131 del 26 aprile 1986 quindi è necessario versare le relative imposte in relazione alle diverse categorie di atti che riguardano quelli soggetti a registrazione prevista dalla legge e gli atti obbligatoriamente presenti per la registrazione. Per quanto riguarda gli atti che devono essere registrati per legge in genere si distinguono gli atti soggetti a registrazione in termine fisso e quelli soggetti a registrazione in caso d’uso. Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Imposta di registro prima casa: le modifiche introdotte per il 2014.

Come si calcola la tassa

imposta di registro prima casa
imposta di registro prima casa

Sono soggetti ad agevolazioni quegli atti che risultano esenti da Iva mentre si è tenuti al pagamento dell’imposta di registro in maniera proporzionale in relazione agli atti di trasferimento esenti da Iva se hanno per oggetto immobili d’uso abitativo, in questo caso si può beneficiare di alcuni sgravi in merito alle seguenti voci: le aliquote del 2% che possono essere applicate nel caso in cui l’acquirente avanza la richiesta di poter ottenere l’agevolazione relativa alla prima casa, si applica invece una riduzione pari al 9% nelle altre circostanze; sono inoltre previsti per ciascuna delle imposte ipotecaria e catastale un costo fisso pari rispettivamente a 50 euro mentre vengono apportate delle abolizioni in merito all’imposta di bollo ed alle tasse ipotecarie. Altre notizie si trovano su Iva sulla prima casa in caso di trasferimenti.

Pubblicità

Be the first to comment

Leave a Reply