Imu prima casa: dove si paga di più, dove si paga di meno

 Imu prima casa: una breve introduzione

L’Imu è stata pensata dal Governo Berlusconi IV e introdotta dal Governo Monti. Il progetto originario prevedeva che la gestione della tassa fosse appannaggio delle amministrazioni locali. Analogamente, anche gli introiti sarebbero dovute finire interamente nelle casse comunali. L’Imu “attuale”, pur favorendo le casse dello Stato e meno quelle locali, ha comunque conservato una certa valenza federalista: sono i Comuni, entro certi limiti, a stabilire le aliquote, da cui successivamente dipende l’entità dell’imposta. Non stupisce, dunque, che l’importo dell’Imu varia da città a città. La maggiore variabilità è appannaggio dell‘Imu prima casa. A influire sono anche le zone in cui le abitazioni sono situate (mare, montagna etc). Dove si paga di più e dove si paga di meno?

Per avere ulteriori informazioni riguardanti l’imposta municipale unica consultare gli articoli Imu prima casa: come richiedere il rimborso delle somme in eccesso e IMU prima casa: come pagare con il ravvedimento.

L’imposta sulla prima casa più costosa: Portofino

Imu prima casa dove piu meno

Imu prima casa dove piu meno

Portofino è il Comune dove si paga l’Imu sulla prima casa più costosa. Gli abitanti Comune sito in Ligura (per la precisione nella Provincia di Genova) hanno pagato in media 1.030 euro di Imu sulla prima casa. I dati sono stati diffusi dal Ministero dell’Economia qualche giorno fa. A pesare, ovviamene, un’aliquota più alta che altrove. Seguono, a distanza di sicurezza, Pecetto Torinese (Torino) a 687 euro e Forte dei Marmi (Lucca) a 643 euro.

L’imposta meno costosa: Zerfaliu

Lo sconosciuto Comune di Zerfaliu (Oristano) si impone a Comune più fortunato d’Italia, almeno per quanto riguarda l’Imu sulla prima casa. I cittadini sono stati costretti a pagare, in media, una cifra davvero irrisoria: 16 euro. Fortunati, ma un po’ di meno, gli abitanti di Antrona Schieranco (Vibo Valentia) con 20 euro e Rocchetta Nervina (Milano) con 26 euro.

Una menzione speciale va a Sogliano (Cesena) che non rientra in questa particolare classifica semplicemente perché… I suoi cittadini non hanno pagato l’Imu sulla prima casa. Il sindaco Quintino Sabattini ha deciso di azzerare l’aliquota e di massimizzare le detrazioni, in modo da “sterilizzare” l’imposta. Per le casse comunale, 300mila euro di mancato incasso.


Pubblicità