IMU prima casa: tutto quello che c’è da sapere

IMU prima casa cosa sapere
IMU prima casa cosa sapere
Pubblicità

IMU prima casa: cosa è?

IMU è la sigla che si riferisce alla ”Imposta Municipale Unica” ossia la nuova tassa sugli immobili, introdotta dal DL n. 201 del 6 dicembre 2011, meglio noto come Decreto Salva Italia. La nuova imposta, come si legge nel Decreto è in vigore a patire dall’anno 2012.

All’interno del presente articolo daremo un quadro generale sull’imposta municipale unica e ulteriori dettagli sull’IMU prima casa, agevolazione fiscale introdotta dal governo nel corso del 2012 per favorire le famiglie. All’interno del nostro portale sono presenti numerosi altri approfondimenti tra cui vi segnaliamo IMU prima casa: novità tra le agevolazioni fiscali 2012 e Pagamento IMU prima casa: cosa accade ai ritardatari.

Chi deve pagare l’IMU

Sono assoggettati al pagamento dell’IMU tutti i proprietari di immobili residenziali, commerciali e terreni agricoli, i titolari di diritti reali di godimento (usufrutto, uso abitazione, ecc.), gli utilizzatori con contratti di leasing finanziario ed i concessionari di beni demaniali . Nel caso specifico di un immobile in affitto il pagamento dell’IMU è un onere a carico del proprietario.

Quali sono le aliquote

IMU prima casa cosa sapere
IMU prima casa cosa sapere

Secondo quanto stabilito dalla vigente normativa, ogni comune può stabilire in modo autonomo l’aliquota da applicare in un range di variazione rispetto alle aliquote ordinarie.

Le aliquote ordinarie sono le seguenti:

  • Aliquota IMU prima casa:  0,4% (ogni comune può decidere di aumentare o diminuire il valore dello 0,2%). Pertanto, nel caso della prima casa, l’aliquota dell’IMU può oscillare tra lo 0,2% fino allo 0,6%.
  • Aliquota altri immobili : 0,76% (ogni comune può applicare una variazione pari allo 0,3% in più o in meno. Pertanto, l’IMU sulle altre proprietà può variare dallo 0,46% fino all’1,46%.

Quali sono le detrazioni

Per quanto concerne la prima casa la legge prevede una detrazione fissa di 200 euro, più 50 euro per ogni figlio di età inferiore o uguale a 26 anni, convivente. Tale agevolazione, come ha chiarito il decreto semplificazioni, si applica ad un solo immobile.

Pubblicità

Be the first to comment

Leave a Reply