Interventi di ristrutturazione edilizia alberghi

Pubblicità

Interventi di ristrutturazione edilizia alberghi

Tra le agevolazioni fiscali di tipo edilizio figurano anche gli interventi di ristrutturazione edilizia alberghi che fanno riferimento alla Tax credit fino a 200mila euro per alberghi e terme, nello specifico è possibile ottenere il credito d’imposta per la riqualificazione delle strutture alberghiere. Con questo specifico bonus del 65%, per una spesa massima di 200.000 euro, si possono detrarre le spese sostenute entro il 31 dicembre 2018, questo tipo di agevolazione fiscale può essere applicata non solo alle strutture alberghiere ma anche a quelle termali, in tal caso gli stabilimenti termali hanno la facoltà di poter richiedere il credito d’imposta delle spese sostenute per affrontare lavori di ristrutturazione edilizia, ma anche se si eseguono degli interventi di efficientamento energetico, oppure se si provvede ad eliminare la presenza di barriere architettoniche o se si acquista la mobilia ed altre componenti di arredo da destinare a questo tipo di beni immobiliari. Questo tipo di agevolazione fiscale, Tax credit, può essere ottenuto per sostenere delle specifiche spese come ad esempio per realizzare eventuali piscine termali, per comprare attrezzature ed apparecchiature da destinare allo svolgimento delle attività termali. Per approfondimenti si rimanda alla lettura di http://www.edilportale.com/news/2017/12/normativa/legge-di-bilancio-2018-le-nuove-detrazioni-per-la-casa_61653_15.html.

Adeguamento antincendio

interventi di ristrutturazione edilizia alberghi
interventi di ristrutturazione edilizia alberghi

Tra le altre agevolazioni fiscali riservate alle strutture alberghiere ci sono anche gli interventi di adeguamento antincendio, una misura che può essere adottata da quella tipologia di alberghi che possono disporre di più di 25 posti. Questo tipo di strutture ricettive turistico-alberghiere hanno quindi la possibilità di poter eseguire degli interventi di ammodernamento con lo scopo di adottare tutti i servizi necessari per la prevenzione degli incendi. Questo tipo di agevolazione fiscale può essere richiesta se i lavori di ristrutturazione vengono svolti entro il 30 giugno 2019, le strutture sottoposte ad adeguamento antincendio dovranno presentare al Comando provinciale dei Vigili del fuoco entro il 1º dicembre 2018 la SCIA parziale, attestante il rispetto di almeno quattro delle seguenti prescrizioni: resistenza al fuoco delle strutture; reazione al fuoco dei materiali; compartimentazioni; corridoi; scale; ascensori e montacarichi;  impianti idrici antincendio; vie d’uscita ad uso esclusivo, con esclusione dei punti ove è prevista la reazione al fuoco dei materiali; vie d’uscita ad uso promiscuo, con esclusione dei punti ove è prevista la reazione al fuoco dei materiali; locali adibiti a deposito.

Pubblicità

Be the first to comment

Leave a Reply