Iva 10 agevolata ristrutturazioni su immobili residenziali ordinari e straordinari

Iva 10 agevolata ristrutturazioni

L’Iva al 10 agevolata può essere applicata ad alcuni tipi di ristrutturazioni che interessano immobili residenziali di tipo ordinario e straordinario. Rientrano nella categoria della manutenzione ordinaria degli interventi di riparazione di lieve entità, ma anche lavori di manutenzione degli impianti tecnologici. Per manutenzione straordinaria si intendono invece dei lavori strutturali e delle modifiche importanti relative alla ristrutturazione di immobili, ma anche le sostituzioni di impianti tecnologici e di servizi sanitari. L’importante è che questi lavori di modifica non vadano ad alterare i volumi dell’unità immobiliare né tanto meno ne modifichino la destinazione d’uso. Per verificare se è possibile applicare l’Iva al 10% è necessario eseguire un semplice calcolo che consiste nella sottrazione del valore dei beni significativi dall’importo totale della cifra da corrispondere a chi svolge i lavori di ristrutturazione. Inoltre la riduzione dell’Iva al 10% interessa anche un altro campo d’azione rappresentato dalle cessioni di beni se viene indicato nel contratto di appalto: l’aliquota si applica ai beni concessi in appalto che hanno lo stesso valore delle prestazione richieste per gli stessi beni. Per approfondimenti si rimanda alla lettura dell’articolo Iva 10 agevolata ristrutturazioni, lavori ordinari e straordinari.

A quali campi si estende l’aliquota agevolata

Iva 10 agevolata ristrutturazioni

Iva 10 agevolata ristrutturazioni

I beni a cui applicare l’agevolazione del 10% per le ristrutturazioni vengono stabiliti dal decreto legge del 29 dicembre 1999, in cui si fa riferimento a: impianti di sicurezza, caldaie, sanitari, ascensori, infissi interni ed esterni, videocitofoni, condizionatori. Ci sono anche altri casi a cui può essere estesa l’aliquota agevolata, si tratta principalmente di: contratti di appalto con cui si consente di realizzare interventi di risanamento conservativo e di ristrutturazione; l’applicazione dell’Iva al 10%  è prevista anche in caso di acquisto di beni con i quali è possibile eseguire degli interventi di restauro, ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo; un altro campo a cui è possibile applicare l’Iva al 10% riguarda i fornitori di beni già finiti. Maggiori notizie su Ristrutturazione edilizia: quando si applica l’Iva al 10%.

Pubblicità