Iva ristrutturazione prima casa e riduzione Irpef 20%

Iva ristrutturazione prima casa
Iva ristrutturazione prima casa
Pubblicità

Iva ristrutturazione prima casa ridotta dal 10% al 4%

Il contribuente che ha la possibilità di far ricorso alle detrazioni fiscali applicabili nel settore dell’edilizia può beneficiare concretamente di un taglio delle spese da sostenere in riferimento ai lavori di ristrutturazione  in tal caso il contribuente può beneficiare di un’aliquota ridotta dal 10% al 4% in riferimento all’Iva ristrutturazione prima casa. Si tratta di un provvedimento legislativo apportato con lo scopo di recuperare in pieno il patrimonio edilizio già esistente sul territorio per evitare così un nuovo consumo del suolo. In base alla suddetta novità emersa dall’approvazione del decreto legge Sblocca Italia, il calo dell’Iva rappresenta un vantaggio per i contribuenti che dopo aver acquistato un immobile da destinare a casa principale intervengono su di esso con una serie di interventi di ristrutturazione oppure decidono di migliorare le prestazioni energetiche, a questa serie di benefici se ne possono aggiungere alti quali: l’applicazione della detrazione Irpef del 50% sulle ristrutturazioni edilizie, sui mobili e sui grandi elettrodomestici. Si rinvia per ulteriori notizie alla lettura dell’articolo Autocertificazione Iva 4 prima casa: la figura del rivenditore.

L’applicazione della deduzione Irpef al 20%

Iva ristrutturazione prima casa
Iva ristrutturazione prima casa

Il mercato immobiliare prevede non solo la possibilità di beneficiare dell’Iva ridotta al 4% in caso di interventi di ristrutturazione sulla prima casa, ma è possibile anche applicare l’Irpef agevola. È infatti possibile beneficiare della riduzione Irpef del 20% sul valore di una casa acquistata direttamente dall’impresa di costruzione, se invece gli immobili vengono sottoposti ad un intervento di restauro e risanamento conservativo possono ottenere allo stesso l’estensione di tale tipo di agevolazione. Nello specifico è possibile ottenere una deduzione del 20% sul prezzo di acquisto dell’immobile, l’agevolazione è applicabile poi anche agli interessi passivi dipendenti da mutui contratti per l’acquisto del bene immobiliare. Per maggiori informazioni si consiglia la lettura di Iva ristrutturazione prima casa: eliminazione delle barriere architettoniche.

Pubblicità

Be the first to comment

Leave a Reply