Iva ristrutturazione prima casa: i lavori deducibili

Iva ristrutturazione prima casa: variazioni relative agli interventi

Un trattamento fiscale differente viene applicato nel caso di ristrutturazione degli immobili tenendo conto della stessa natura degli interventi per cui l’Iva ristrutturazione prima casa subisce delle variazioni a seconda che i lavori condotti siano di manutenzione straordinaria, ordinaria, ma anche nel caso di interventi di risanamento e restauro conservativo, le riduzioni fiscali possono essere inoltre applicate anche in caso di ristrutturazione edilizia oppure urbanistica, vengono poi interessati dal regime dell’agevolazione Iva anche lavori atti al superamento di barriere architettoniche sia che si tratti di imprese sia che vengano coinvolte delle singole persone. Per poter essere detratti i costi di ristrutturazione devono essere documentati in base a quanto previsto dalla normativa in materia per cui devono essere sottoscritti contratti di appalto, devono essere emesse regolarmente le relative attestazioni dell’avvenuto pagamento,  vanno custodite le fatture che attestino l’avvenuto pagamento. Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Spese ristrutturazione casa: dichiarazione dei redditi.

Come identificare le diverse tipologie di lavori deducibili

iva ristrutturazione prima casa

iva ristrutturazione prima casa

Il contribuente che si trova nella condizione di dover affrontare delle spese di ristrutturazione per potersi orientare in modo corretto in materia di detrazioni fiscali relative alle ristrutturazioni prima casa, come vademecum da prendere in considerazione in questo ambito sono utili le informazioni fornite dallo stesso fisco il quale ha fornito le specifiche interpretazioni in riferimento alla natura delle spese di manutenzione di tipo immobiliare, per quanto riguarda la voce ristrutturazione. Per cui è possibile ottenere la deducibilità delle spese in caso di opere di riparazione, se si opta per un intervento di rinnovamento oppure di sostituzione delle finiture degli edifici con lo scopo di provvedere ad una manutenzione efficiente degli impianti tecnologici, attraverso opere di riparazione di quelli già presenti fisicamente, ma allo stesso modo l’intervento può sfruttare anche il criterio dell’innovazione nel rispetto dell’immobile esistente. Nello specifico per poter identificare le diverse tipologie di lavori deducibili a livello fiscale bisogna far riferimento alla circolare n. 57/E-III-29636 del 24 febbraio 1998. Altre notizie su Dichiarazione Iva 4 prima casa: contratti di appalto.

Pubblicità