IVA ristrutturazione prima casa: Materiali

IVA ristrutturazione prima casa: generalità

Partiamo con il rispondere alla seguente domanda: posso usufruire dell’IVA ristrutturazione prima casa agevolata al 4% per l’acquisto di materiali edili per la ristrutturazione della prima casa?

L’IVA ristrutturazione prima casa agevolata del 4% può essere utilizzata per l’acquisto di materiali edili ma occorre distinguere tra diverse tipologie. Nell’Iva agevolata del 4% sono proposte due diverse tipologie di materiali edili: i beni o materiali finiti, o meglio i semilavorati e materie prime.

I materiali finiti, secondo le circolari n. 25 del 3 agosto 1979 e n. 14 del 17 aprile 1981, sono tutti quelli necessari per la costruzioni di immobili o per la ristrutturazione degli stessi, tuttavia non devono formare parti strutturali dell’opera o semplici decorazioni.

Come materiali finiti che rientrano nell’Iva del 4% citiamo: serramenti, radiatori, sanitari, bagni, materiali per gli impianti elettrici, caldaie e termosifoni.

Per ulteriori indicazioni consultare l’articolo IVA ristrutturazione prima casa: come e quando.

 Materiali finiti e semilavorati: ulteriori precisazioni

iva ristrutturazione prima casa materiali

iva ristrutturazione prima casa materiali

Tutti i beni prima citati  rientrano nell’Iva del 4% se vengono utilizzati per:

  1. realizzare costruzioni di edifici non di lusso in riferimento alla legge Tupini, ovvero effettuati da costruttori  e non costruttori;
  1. costruire fabbricati rurali a destinazione abitativa (secondo la voce 24, parte II, tabella DPR 633/72).

Vengono citati nell’Iva al 10% nel caso in cui vengono utilizzati per:

  1. costruire edifici poi presentati come fabbricati secondo la legge Tupini;
  1. costruire opere di urbanizzazione primaria e secondaria ( secondo la voce 127-terdecies, parte III, tabella A Dpr 633/72);
  1. ristrutturare-restaurare e risanare gli immobili (secondo la voce 127-sexies e terdecies, parte III, Tabella A, Dpr 633/72).

Tuttavia sono soggetti all’aliquota ridotta nel caso in cui siano acquistati per la posa in opera sia senza.

Le materie prime e semilavorati sono soggette invece ad Iva del 20%.

Tra questi citiamo: materiali per la pavimentazione interna ed sterna, materiali da rivestimento (stoffa, carta da parati, piastrelle murali,ecc..), materiali inerti (cementi, clinker, tegole, mattoni, ecc.), acciai per l’edilizia.

Tutti i materiali citati sono soggetti all’Iva del 20% indipendentemente dal soggetto acquirente.

Per poter richiedere l’Iva agevolata al 4% , in questo caso, va richiesta al venditore l’apposita dichiarazione (secondo la circolare n. 1/E del 2 marzo 1994,  n. 1023/9516 del 2 maggio 1986, risoluzione n. 396259 del 14 aprile 1984).

4 commenti su “IVA ristrutturazione prima casa: Materiali
  1. Giorgio scrive:

    Sto acquistando delle piastrelle per ristrutturazione prima casa non di lusso. Il commercialista mi ha fatto preparare la dichiarazione per l’IVA al 4%, ma il venditore mi dice che non può accettarla perché, appunto, le piastrelle non sono considerati materiali finiti, Il mio commercialista insiste che invece è un mio diritto. Che posso fare? Grazie e saluti, Giorgio

    • admin scrive:

      Salve Giorgio,
      le suggerirei di contattare l’agenzia delle Entrate per avere conferme a riguardo (ho verificato nuovamente sul portale per tentare di trovare un “riferimento certo” a riguardo da poter mostrare al venditore ma purtroppo non sono risucito). Se consulta il portale dell’agenzia troverà dei riferimenti, acnche telefonici, a cui fare riferimento.
      Saluti

  2. raffaella scrive:

    Buon giorno abbiamo effettuato un ampliamento e ristrutturazione della parte già esistente di quella che per noi prima casa. abbiamo effetuato chiusura lavori due anni fa ed ora dobbiamo completare i balconi e la scala con la posa delle ringhiere e della pavimentazione.un balcone e lascala fanno parte della parte “nuova” l’altro balcone di quella “vecchia” possiamo utilizzare Iva 4% per questi lavori? grazie

    • Gerardo Desiderio scrive:

      In linea di massima la risposta è affermativa. Si dovrebbe, però, analizzare il caso di specie.

      GD

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli recenti