Liquidazione di buona uscita o anticipo tfr acquisto prima casa?

Liquidazione di buona uscita: anticipo TFR acquisto prima casa

Parte della disciplina anticipo tfr acquisto prima casa viene trattato dall’articolo numero 2120 del Codice Civile. Quando il lavoratore subordinato conclude il suo rapporto lavorativo ha diritto a percepire la liquidazione accantonata durante gli anni lavorativi, parliamo appunto del TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, soprannominato anche liquidazione di buona uscita. Il calcolo annuale viene effettuato nel seguente modo, il lavoratore percepisce una somma non superiore alla retribuzione mensile del corrente anno, l’importo viene poi diviso per 13,5. Il calcolo può subire delle variazioni dovute alle date di conclusione dei mesi , infatti, la quota viene ridotta per le frazioni di anno in maniera proporzionale, il calcolo di un mese viene regolato su una conta superiore ai quindici giorni.  I contratti collettivi nazionali possono aggiungere condizioni aggiuntive al calcolo e al valore da versare come TFR. Dopo otto anni lavorativi è possibile richiedere l’anticipo TFR acquisto prima casa facendo apposita richiesta attraverso un modulo con allegato atto notarile che comprova l’acquisto della casa o il completamento dell’operazione di compravendita della stessa, può essere un contratto preliminare o anche un mutuo in via di estinzione che si vuole chiudere in maniera anticipata.

Comprare casa per figli e nipoti

Liquidazione di buona uscita o anticipo tfr acquisto prima casa?

Liquidazione di buona uscita o anticipo tfr acquisto prima casa?

Sono numerosi i lavoratori che richiedo l’anticipo tfr acquisto prima casa, insieme alle cessioni del quinto delle pensioni e degli stipendi, rappresenta l’unica possibilità per molte persone di poter accedere all’acquisto di una casa o supportare il costo della stessa. Lavoratori e pensionati mettono a disposizione tale sacrificio soprattutto per i figli e i nipoti. Per poter richiedere l’anticipo TFR acquisto prima casa per figli maggiorenni o minorenni è importante provare che l’abitazione viene intestata a loro, in caso di bambini piccoli e comunque minorenni interviene il giudice tutelare che nomina un tutore di supervisione per la trattativa. L’anticipo TFR acquisto prima casa prevede un prelievo versato dall’ammontare accantonato che non superi il settanta percento dello stesso.

Pubblicità