Mutui prima casa: alcuni consigli per risparmiare

Mutui prima casa: alcuni consigli per risparmiare
Mutui prima casa: alcuni consigli per risparmiare
Pubblicità

L’accesso ai mutui prima casa, in un periodo come quello attuale, è riservato davvero a pochi eletti. Per questa ragione prima di avventurarsi nella richiesta di un prestito presso la banca è fondamentale tenere conto di alcuni accorgimenti necessari per evitare che le rate del piano di ammortamento predisposto dalla banca risultino, alla lunga, insostenibili.

Al fine di evitare questo spiacevole inconveniente vi elenchiamo, di seguito, una serie di elementi cui prendere in considerazione quando si intende accedere al mutuo.

Se desiderate maggiori approfondimento sui mutui prima casa vi consigliamo la lettura dei seguenti articoli di approfondimento, già pubblicati sul portale: Mutuo prima casa: dove si ottiene più facilmente e Mutuo prima casa: come effettuare una scelta consapevole.

Consigli per la gestione dei mutui prima casa

Mutui prima casa: alcuni consigli per risparmiare
Mutui prima casa: alcuni consigli per risparmiare
  1. Fare attenzione allo spread

Più basso è il valore dello spread applicato dalla banca, minori sono gli interessi da restituire sul mutuo. Occorre, inoltre, tenere in considerazione che questo valore, imposto dalla banca, rimane invariato per tutta la durata del mutuo.

  1. Considerare e valutare il taeg

Il taeg è il valore dato dal tasso iniziale più le spese accessorie e rappresenta il tasso effettivo globale. Il valore indica, quindi, il costo del finanziamento completo di spese accessorie, di perizia e istruttoria. Valutare il taeg è, quindi, molto importante in quanto consente di valutare la convenienza del prestito nella sua totalità.

  1. La soluzione a tasso misto non è sempre la più conveniente

Le soluzioni di mutuo che prevedono soluzioni miste (a tasso fisso e variabile) sono quelle cui le banche applicano un taeg maggiore e, per questa ragione, ad una valutazione approfondita potrebbero risultare meno vantaggiose.

  1. Considerare le agevolazioni prima casa

Prima di scegliere il mutuo è bene informarsi sulle agevolazioni prima casa che prevedono detrazioni irpef del 19% sugli interessi passivi del mutuo e su altre agevolazioni eventualmente disponibili presso il vostro comune o regione di appartenenza.

  1. Evitare di gestire più prestiti contemporaneamente

All’atto di avvio del mutuo la banca valuta con attenzione la situazione reddituale del richiedente al fine di considerare, con attenzione, la capacità di restituzione del prestito. Avere in pendenza un ulteriore finanziamento potrebbe mettere in dubbio la vostra capacità di portare al termine entrambi i finanziamenti.

Pubblicità

Be the first to comment

Leave a Reply