Mutui prima casa: condizioni generali per ottenerli

Mutui prima casa: condizioni generali per ottenerli
Mutui prima casa: condizioni generali per ottenerli
Pubblicità

I mutui prima casa sono finanziamenti ipotecari in quanto a fronte del prestito concesso dalla banche, il richiedente concede, a titolo di garanzia, l’ipoteca sull’immobile.

Per ipoteca si intende un diritto reale di garanzia che consente alla banca di recuperare il proprio credito attraverso il diritto di prelazione e quindi l’espropriazione del bene e la sua vendita in caso di inadempienza.

Per ottenere maggiori informazioni sulla si consiglia la lettura dei seguenti articoli di approfondimento presenti sul portale: “Mutui prima casa:meno cari per dipendenti e pensionati” e “Mutui prima casa: come sceglierli”.

Chi può richiedere sui mutui prima casa

Mutui prima casa: condizioni generali per ottenerli
Mutui prima casa: condizioni generali per ottenerli

Possono richiedere un mutuo tutti i cittadini che, quindi, sono in grado di dimostrare la possibilità di restituire, nei tempi prestabiliti ed indicati nel contratto stipulato con la banca, il denaro concesso.

E’ consigliabile che si stabilisca il pagamento di una rata mensile di mutuo non superiore ad un terzo del proprio reddito mensile al dine di non incorrere nel rischio di non riuscire a pagarle. Ogni rata è composta, in parte, da una quota di restituzione del capitale concesso dalla banca e da un’altra costituita dagli interessi che vengono applicati dagli istituti di credito per la concessione del mutuo. Completano l’importo della rata altri costi per la gestione della pratica.

Durata del mutuo

Trattandosi di finanziamenti di medio e lungo termine, la durata dei mutui è compresa in media da un minimo di 5 anni ad un massimo di 40.

Agevolazioni in caso di prima casa

Per l’acquisto della prima casa, è prevista una agevolazione fiscale pari allo 0,25% dell’importo erogato dalla banca, a fronte del 2%, generalmente applicato per altre tipologie di mutuo. Inoltre,gli interessi pagati sui mutui sono detraibili dai redditi IRPEF.

Cosa fare per accendere un mutuo

Per accendere un mutuo è necessario recarsi dal notaio e verificare che l’immobile che si intende acquistare sia primo di vizi di forma o abusi non sanati. Le banche, infatti, richiedono tutta la documentazione necessaria a dimostrare il possesso di tali requisiti.

Pubblicità

Be the first to comment

Leave a Reply