Mutui prima casa: solo il 2% da famiglie monoreddito

Mutui prima casa
Pubblicità

Mutui prima casa per le famiglie monoreddito

Se l’accesso al mutuo si sta rivelando particolarmente difficile per tutti, per le famiglie monoreddito sembra una vera e propria utopia. A rivelarlo è stata una recente ricerca realizzata su un campione rappresentativo, composto da circa 16000 richieste di mutuo relative agli ultimi sei mesi. I risultati hanno evidenziato che solo il 2% delle richieste di mutui prima casa proviene da una famiglia monoreddito ed ha consentito, addirittura di tracciare un identikit del profilo tipico del richiedente. Padre di famiglia con almeno 2 figli a carico, di circa 42 anni, con uno stipendio superiore a quello “medio” , fissato intorno ai 2100 euro che, consente di affrontare le spese del mutuo e contemporaneamente provvedere al mantenimento della famiglia.

La causa principale che incide sulla possibilità delle famiglie monoreddito di accedere ad un mutuo è rappresentata dalla sostenibilità della rata che, nel caso di specie, a causa di stipendi non troppo alti non consente di impegnarsi in un pagamento mensile con rate elevate, come quelle di un mutuo.

Per ricevere ulteriori informazioni consultare l’articolo Mutui prima casa: guida alla detrazione degli interessi passivi.

Mutui per acquisto prima casa e seconda casa: i numeri in gioco

Mutui prima casa famiglie monoreddito
Mutui prima casa famiglie monoreddito

Una ulteriore caratteristica che traccia, in maniera ancora più definita, l’andamento del mercato dei mutui nell’ultimo periodo, è rappresentata dal fatto che oltre il 66% delle richieste di mutuo è diretta all’acquisto prima casa, contro un 6% che vi accede per acquistare una seconda abitazione. Il 10% delle richieste è finalizzato ad un rifinanziamento del mutuo con lo scopo di abbassarne la rata mensile. A proposito, invece, delle tipologie di tasso prescelte, il 48% del campione si orienta verso il tasso variabile, contro un 36% che, invece, sceglie quello fisso.

 

Pubblicità

Be the first to comment

Leave a Reply