Come ottenere l’agevolazione fiscale se si realizza la coibentazione dell’appartamento

Pubblicità

Aumentare il risparmio energetico è possibile e conveniente!

risparmio_energeticoCon l’avvicinarsi della stagione invernale si ripresenta ciclicamente la problematica su come mantenere una temperatura accettabile all’interno della nostra abitazione.
I normali sistemi di riscaldamento sono più che sufficienti a garantirci un discreto livello di confort termico ma, in alcuni casi, se ne rende necessario un utilizzo prolungato e dispendioso, soprattutto nelle vecchie abitazioni che non sono state sottoposte ad un corretto piano di coibentazione termica.

La coibentazione può essere realizzata scegliendo tra diverse soluzioni. Tra le tecniche migliori si annovera quella dell’insufflaggio delle pareti interne, che consiste nell’isolare le pareti di un appartamento in tempi brevissimi e senza opere murarie!
Il vantaggio della coibentazione per insufflaggio è anche di ragione economica, infatti un lavoro di coibentazione con questa tecnica si esegue con una spesa esigua.
A tutto ciò poi dobbiamo aggiungere l’opportunità che per tutti gli interventi di isolamento termico si può beneficiare di una detrazione fiscale pari al 65% della spesa totale!
Questo vale sia per le coibentazioni delle pareti, sia per quelle riguardanti il sottotetto.

I requisiti per ottenere l’agevolazione fiscale ( eco bonus)

Ecobonus al 65%: riepilogo dell’incentivo
Si tratta della detrazione del 65% dei costi sostenuti per la riqualificazione energetica dell’immobile da parte di tutti i contribuenti che possiedono a qualsiasi titolo l’immobile oggetto di intervento.
La detrazione fiscale è ripartita in 10 anni ed è relativa all’Irpef o all’Ires.

Rientrano nelle agevolazioni fiscali sia il costo per i materiali che per le prestazioni professionali che consentono di ottenere il miglioramento energetico dell’abitazione.
L’insufflaggio termico rientra nelle opere di coibentazione e quindi nelle opere che usufruiscono della detrazione fiscale del 65%.

Ci sono dei parametri termici da rispettare per poter usufruire della detrazione fiscale vigente.
Una parete per esempio dopo l’intervento di coibentazione dovrà raggiungere un livello di trasmittanza termica al di sotto del livello minimo richiesto (dati che variano in funzione della zona climatica dell’immobile, della stratigrafia del muro , dei materiali impiegati).

Fondamentale, in questo caso, è l’ottenimento di una certificazione eseguita da un tecnico abilitato, nella quale deve essere calcolata ed indicata la trasmittanza termica (ossia la potenza termica scambiata da un materiale per unità di superficie e unità di differenza di temperatura) prima e dopo il procedimento di coibentazione, attestando che il nuovo valore raggiunto garantisce il conseguimento del livello minimo di risparmio energetico precedentemente citato.
Il pagamento dell’opera deve avvenire a mezzo di bonifico bancario e deve indicare il numero di fattura della ditta che esegue la coibentazione, fattura che deve essere conservata in previsione di eventuali controlli.
Il certificatore energetico provvederà a redigere la pratica di detrazione fiscale e l’Ape cioè l’attestato di prestazione energetica dell’abitazione raggiungo dopo il lavoro di coibentazione che rappresenta la carta d’identità energetica della nostra casa.

La detrazione fiscale del 65% è un opportunità davvero importante per eseguire un intervento di isolamento termico, godendo a pieno degli oggettivi vantaggi di comfort e di risparmio energetico immediato dovuto all’intervento di coibentazione  e risparmiando poi grazie all’incentivo fiscale.
La coibentazione dell’appartamento si può effettuare in diversi modi, sia con l’inserimento di un cappotto termico esterno, sia attraverso l’insufflaggio delle pareti interne; vi consigliamo di rivolgervi a ditte specializzate di settore, che possono consigliarvi le soluzioni migliori rispettando il vostro budget e le esigenze della vostra abitazione, come nel caso di Coibentare Casa, operativo da molti anni sull’intero territorio nazionale.

Pubblicità

Be the first to comment

Leave a Reply