Ravvedimento operoso imposta di registro: chi può utilizzarlo

Ravvedimento operoso imposta di registro: info
Ravvedimento operoso imposta di registro: dettagli
Pubblicità

Ravvedimento operoso imposta di registro, l’ultima spiaggia

Sono molte le tasse che l’acquirente è chiamato a versare quando acquisto un immobile. Tra tutte, quella che suscita i maggiori timori è l’imposta di registro (per saperne di più consultate Imposta di registro acquisto prima casa: quanto si paga), sebbene in caso di agevolazione la quota da versare si riduca cospicuamente (per saperne di più consultate Imposte acquisto prima casa: cosa accade in caso di agevolazioni).

Cosa succede se non si paga l’imposta di registro? Niente paura, a sostegno dell’acquirente interviene il ravvedimento operoso imposta di registro, che consente di “riparare” al danno riducendo al minimo le sanzioni. Di seguito, qualche utile info a riguardo.

Chi può utilizzare il ravvedimento

Ravvedimento operoso imposta di registro: info
Ravvedimento operoso imposta di registro: dettagli

In teoria, chiunque può accedere al ravvedimento operoso imposta di registro, a patto che si rispettino alcune condizioni. Ecco quali.

1. La violazione non sia già stata constatata dall’Agenzia dell’Entrata e non sia già stata comunicata al reo.

2. Non siano iniziati accessi, ispezioni e verifiche (Fonte Agenzia delle Entrate).

3. Non siano iniziate altre attività di accertamento formalmente comunicate all’autore (Fonte Agenzia delle Entrate).

 

Il costo del ravvedimento

Il ravvedimento consiste nel versamento:

1. Dell’imposta dovuta

2. Dell’interesse calcolato su base annua

3. Della sanzione in misura ridotta.

La sanzione in misura ridotta consiste nel 3% dell’imposta dovuta se si paga entro 30 giorni dalla scandenza. Aumenta fino al 3,75%, invee, se il pagamento viene effettuato oltre il 30esimo giorno. In questo caso, inoltre, occorre aggiungere uno 0,2% per ogni giorno di ritardo.

Il versamente va effettuato sulla base del modello F24. Tale modello si può trovare nel sito dell’Agenzia delle Entrate.

Pubblicità

Be the first to comment

Leave a Reply