Ristrutturazione bagno costo: agevolazioni fiscali Irpef del 50%

ristrutturazione bagno costo
ristrutturazione bagno costo
Pubblicità

Ristrutturazione bagno costo: preventivi

Grazie alle agevolazioni fiscali Irpef del 50% per le ristrutturazioni edilizie il soggetto ha a disposizione uno sconto da poter destinare anche alla ristrutturazione bagno costo. Per i lavori di ristrutturazione del bagno possono essere previsti dei prezzi che in media possono oscillare dai 3.000 euro ai 6.000 euro in relazione ai lavori da compiere che possono comprendere: il cambio delle piastrelle, la tinteggiatura delle mura, i lavori di idraulica relativi al cambio di tubature o dei sanitari. Il costo della ristrutturazione bagni deve includere il prezzo non solo dei materiali utilizzati ma anche della manodopera, e su queste spese complessive vanno applicate le detrazioni fiscali sulle ristrutturazioni edilizie. Prima di sostenere i lavori di restauro del proprio bagno è opportuno rivolgersi a più aziende specializzate per un preventivo, verificando che nel costo finale siano inclusi i prezzi relativi ai materiali che verranno impiegati ed alla manodopera che richiede il coinvolgimento di diverse figure professionali quali: piastrellista, muratore, imbianchino, idraulico, elettricista. In media si stima che il costo della sola manodopera per la ristrutturazione del bagno ammonta a circa 4.900 euro, che grazie alle detrazioni Irpef relative alla ristrutturazioni edilizie sono pari a 2.450 euro al netto. Ulteriori notizie sull’argomento si trovano su Spese ristrutturazione casa e di risparmio energetico.

Quali altri spese detrarre

ristrutturazione bagno costo
ristrutturazione bagno costo

Nell’elenco delle detrazioni per le ristrutturazioni edilizie alla voce sanitari rientrano come spese detraibili quelle relative alla sostituzione di impianti ed apparecchiature. I lavori di ristrutturazioni devono essere eseguiti all’interno di un immobile ad uso residenziale, si può inoltre beneficiare della detrazione fiscale anche se il soggetto decide di realizzare un nuovo servizio igienico da creare all’interno di un’abitazione già esistente, mentre la detrazione non è applicabile se viene realizzato un servizio igienico come ampliamento dell’immobile stesso. Possono essere detratte dall’Irpef anche le spese relative all’acquisto di mobili per l’arredo come ad esempio l’acquisto di un mobile del bagno se fisso o di supporto al lavabo. Maggiori informazioni su Bonus ristrutturazione casa ed incentivi fiscali per elettrodomestici.

Pubblicità

Be the first to comment

Leave a Reply