Ristrutturazione bagno costo e presentazione CILA

Ristrutturazione bagno costo detraibile

La ristrutturazione bagno è un costo suscettibile alle detrazioni Irpef, in tal caso le agevolazioni da applicare sono della misura detraibile del 50% delle spese sostenute e l’applicazione dell’Iva al 10%.i lavori di ristrutturazione del bagno sono tra gli interventi edili più richiesti in ambito edilizio e le detrazioni possono essere richieste solo in merito ad alcune spese tra cui: l’acquisto dei materiali, le prestazioni professionali, la realizzazione dei lavori da parte dell’impresa edile, la progettazione, la richiesta delle certificazioni di conformità necessarie per poter avviare e proseguire la ristrutturazione. La detrazione per la ristrutturazione edilizia del bagno può essere applicata nel caso di interventi che rientrano nella voce manutenzione straordinaria e non in quella relativa alla manutenzione ordinaria. Risultano quindi deducibili i costi che riguardano le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, ma anche gli interventi con cui è possibile  completare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, la condizione da rispettare e che non si apportino alterazioni dei volumi e delle superfici dell’immobile. Maggiori informazioni si trovano su Ristrutturazione bagno costo: in base alla proroga valida fino al 31 dicembre 2014.

La Comunicazione inizio lavori asseverata

ristrutturazione bagno costo

ristrutturazione bagno costo

Se si ha intenzione di eseguire delle opere atte a ristrutturare il bagno di un’unità immobiliare ad uso residenziale è necessario adoperare la corretta documentazione che attesti l’inizio dei lavori, in tal caso la modulistica da utilizzare è costituita dalla CILA ossia la “Comunicazione inizio lavori asseverata” si tratta di un documento con cui si dichiara l’avvio degli interventi di manutenzione straordinaria senza modifiche strutturali. In caso quindi di opere di ristrutturazione di un bagno è necessario compilare e consegnare al comune la relativa “Comunicazione inizio lavori asseverata”,  in alternativa il cittadino ha la possibilità di presentare un’autocertificazione con cui si attesta che gli interventi di ristrutturazione rientrano nella serie degli interventi di edilizia soggetti ad agevolazioni. Per approfondimenti si rimanda alla lettura dell’articolo Ristrutturazione bagno costo: agevolazioni fiscali Irpef del 50%.

Pubblicità