Acquisto casa costruttore 2016

Acquisto casa costruttore 2016

Tra le novità introdotte dalla legge di Stabilità 2016 nel campo edilizio bisogna segnalare lo sconto Irpef pari al 50% dell’IVA che il contribuente può richiedere in caso di acquisto casa dal costruttore. Con questo emendamento approvato dalla Commissione Bilancio della Camera si concede in pratica una significativa opportunità di risparmio sia per chi deve acquistare la prima casa ma anche per chi possiede un immobile destinato a fungere da abitazione principale e si trova impegnato nelle trattative di compravendita per una seconda casa. Si tratta di un’agevolazione di cui possono beneficiare i contribuenti a partire dal 1° gennaio 2016 nel caso in cui l’acquisto della casa avviene direttamente dall’impresa costruttrice, in questa circostanza è possibile applicare una detrazione del 50% dell’importo corrisposto per il pagamento dell’IVA sulla compravendita avvenuta nel corso del 2016, a patto che vengano rispettati dei requisiti specifici di tipo oggettivo e soggettivo. La detrazione è pari alla metà dell’imposta dovuta e viene ripartita in 10 rate annuali: la metà dell’IVA pagata che viene rimborsata in 10 anni con rate di pari importo. 

Il conteggio dell’IVA

acquisto casa dal costruttore

acquisto casa dal costruttore

Gli acquirenti che compreranno una nuova casa oppure una casa ristrutturata di classe energetica A o B avranno diritto ad uno sconto Irpef pari al 50% dell’IVA pagata. Se si acquista un’abitazione da adibire a prima casa bisognerà applicare l’IVA al 4% qualora la compravendita avvenga nel corso del 2016 avendo come unico referente la stessa casa costruttrice; se invece si acquista un’abitazione come seconda casa dalla ditta costruttrice, l’IVA applicata è pari al 10%. Tra le altre agevolazioni previste in ambito edilizio vi sono quelle che riguardano il Fondo per interventi strutturali di politica economica, che ha subito una riduzione di 18.4 milioni di euro per il 2017 e di 10.5 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2018 al 2026, invece è stato deciso con largo anticipo un incrementato di 7,9 milioni per l’anno 2027.

Pubblicità