Acquisto prima casa da costruttore: l’atto di compravendita

Acquisto prima casa da costruttore: rogito e tasse da pagare

Se un soggetto decide di comprare un immobile ad uso abitativo, in caso di acquisto prima casa da costruttore entro 5 anni dal termine dei lavori di tipo edilizio sono previste delle tassazioni specifiche che consistono nell’Iva del 4%, nel pagamento dell’imposta di registro fissa di 200 euro, anche l’imposta ipotecaria prevede un costo di 200 euro, così come l’imposta catastale fissa di 200 euro. A parte queste condizioni il rogito non è soggetto a modifiche, quindi viene stipulato in presenza del notaio alla presenza del venditore e dell’acquirente, attraverso la redazione dell’atto in forma pubblica si garantisce l’identità delle parti,ma anche la legalità del contratto. Con il rogito si conclude così la compravendita di immobili ad uso abitativo e nella documentazione bisogna indicare i seguenti dati: il valore dell’immobile; le modalità di pagamento con cui si è verificata la compravendita; in caso di ricorso ad una mediazione bisogna indicare i dati identificativi del soggetto oppure riportare la denominazione ed i dati identificativi e legali della società impegnata nella mediazione; bisogna inoltre indicare le spese sostenute per questa attività e le modalità di pagamento. Maggiori notizie si trovano su Agevolazioni per acquisto prima casa: diverse modalità.

L’importanza dei dati catastali

acquisto prima casa da costruttore

acquisto prima casa da costruttore

A partire dal 1° luglio 2010 tutti gli atti di compravendita firmati tra le due controparti, che sono quindi soggetti a rogito, devono riportare nella documentazione con cui si redige l’atto in forma pubblica i dati relativi all’identificazione catastale dell’immobile acquistato come prima casa, deve quindi essere riportata la corretta planimetria presente nel registro del Catasto e bisogna inoltre allegare la dichiarazione con cui gli intestatari certificano la conformità della documentazione con la reale disposizione dell’immobile sul territorio comunale. Se si omettono i dati catastali o vengono riportate delle informazioni mendaci lo stesso atto può essere soggetto a nullità. Per approfondimenti sul tema si rimanda alla lettura dell’articolo Acquisto prima casa da costruttore: le nuove normative.

Pubblicità