Agevolazioni prima casa: come ottenerle

Quello della prima casa è, certamente, uno degli acquisti più difficili che una famiglia si accinge a fare, soprattutto in un momento come quello attuale in cui gli accessi al mutuo sono fortemente limitati, a causa della crisi economica. Proprio per venire incontro alle esigenze della maggior parte delle famiglie italiane il fisco , da diversi anni, ha introdotto le agevolazioni prima casa, o meglio alcuni gravi, per aiutare le famiglie che si accingono a questa importante scelta.

Agevolazioni prima casa: i requisiti

Le agevolazioni previste riguardano una serie di sgravi sull’iva ed altre imposte  che gravano, in maniera significativa, sul costo della prima casa.

Per poter ottenere tali agevolazioni è necessario che vengano rispettati i seguenti requisiti:

–          L’immobile che si intende acquistare deve essere prima casa e rientrante tra le categorie A/1 e A/11 e, definibile pertanto, non di lusso;

–          L’immobile deve trovarsi nel comune in cui l’acquirente ha la residenza a meno che non si impegni a stabilirla entro 18 mesi dall’acquisto;

–          L’acquirente non deve esercitare alcun diritto di proprietà o usufrutto nel comune in cui intende acquistare l’immobile;

–          Nel caso l’acquirente sia un cittadino residente all’estero (iscritto all’AIRE) l’immobile può trovarsi in qualsiasi comune del territorio italiano purchè nello stesso territorio non si possieda altro immobile.

Per maggiori informazioni si consiglia la lettura dei seguenti articoli di approfondimento, presenti sul portale: Agevolazioni per acquisto prima casa da impresa costruttrice e Finanziamenti per l’acquisto della prima casa: tutte le opportunità. 

Quali sono le possibili agevolazioni

Agevolazioni prima casa: come ottenerle

Agevolazioni prima casa: come ottenerle

Le agevolazioni possono cambiare a seconda del soggetto dal quale si effettua l’acquisto e del fatto che si tratti di una impresa o di un privato.

Nel caso  di acquisto da una impresa, le agevolazioni consistono nel pagamento dell’iva al 4% anziché al 10% e il pagamento delle imposte di registro ipotecaria e catastale nella misura fissa di 168 euro ciascuna.

Nel caso, invece, di acquisto della prima casa da parte di un privato, si può ottenere la riduzione del pagamento dell’imposta di registro al 3% anziché al 7%, nonché il pagamento dell’imposta ipotecaria in misura fissa pari a 168 euro, così come l’imposta catastale.

 

Pubblicità