Bonus fiscale sicurezza: di cosa si tratta

Bonus fiscale sicurezza: di cosa si tratta

Tra le misure messe in atto dal Governo italiano per sostenere la sicurezza dei cittadini e per prevenire possibili atti criminosi è stato prologato per tutto il 2019 il bonus fiscale sicurezza per i sitemi di videosorveglianza ed antifurto casa. Nello specifico il bonus videosorveglianza antifurto 2019 prevede un’agevolazione al 50% in 10 anni, si tratta di un tipo di incentivo fiscale che fa parte del pacchetto sicurezza e cultura della Legge di Stabilità, facendo parte dei 32 emendamenti che il Governo ha presentato e depositato in Commissione Bilancio della Camera. Questo bonus spetta solo ai cittadini privati ed è finalizzato esclusivamente per eseguire interventi specifici che assicurano l’attuazione di misure volte a prevenire atti illeciti da parte di terzi, quindi la detrazione può essere applicata solo per coprire le spese affrontate per realizzare interventi sui beni immobiliari ad uso abitativo. Si precisa che non risulta essere una spesa agevolata il contratto stipulato con un istituto di vigilanza, che quindi deve essere scluso dal bonus fiscale sicurezza. Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura di https://www.vidia.it/bonus-fiscale-sicurezza-videosorveglianza-antifurto/.

Le voci di spesa che fanno capo all’agevolazione

Bonus fiscale sicurezza

Bonus fiscale sicurezza

Sono diversi i possibili interventi che si possono eseguire beneficiando di questa tipologia di agevolazione casa denominata bonus fiscale sicurezza videosorveglianza antifurto. Si può richiedere questa forma di incentivo fiscale nel caso di sostituzione oppure di installazione di cancellate o recinzioni murarie degli edifici, ma anche se si impiantano o sostituiscono serrature, lucchetti, catenacci, spioncini. Sono soggetti a sconti anche le spese che riguardano l’apposizione di grate sulle finestre, se si installano delle sicure tapparelle metalliche con bloccaggi o dei vetri antisfondamento. Tra le altre spese soggette a detrazione fiscale ci sono anche quelle sostenute per installare saracinesche, porte blindate o rinforzate, casseforti a muro ma anche se si impiantano sofisticati rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti. Fanno capo a questa agevolazione casa anche gli impianti di telecamere o fotocamere collegate o non con centri di vigilanza privati ed anche di apparecchi rilevatori di prevenzione antifurto.

Pubblicità