Bonus mobili ed elettrodomestici 2019

Bonus mobili ed elettrodomestici 2019

La legge di Bilancio 2019 dovrebbe riconfermare il bonus mobili ed elettrodomestici che prevede la detrazione Irpef del 50% per chi acquista mobili oppure elettrodomestici dopo aver avviato i lavori di ristrutturazione in appartamento o nelle parti comuni di edifici condominiali. Tra i requisiti imprescindibili per poter usufruire della suddetta agevolazione fiscale  vi è la condizione preliminare di aver effettuato lavori di ristrutturazione edilizia o di manutenzione del bene immobiliare, questo perché la data di inizio dei lavori di ristrutturazione deve precedere quella dell’acquisto dei mobili o degli elettrodomestici. Nel pieno rispetto della normativa e dei requisiti richiesti, si avrà così diritto allo sconto fiscale che consente di abbattere i costi da sostenere per l’acquisto di mobili nuovi o di elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (la detrazione è valida anche in caso di acquisto di forni di classe A). La proroga del bonus mobili ed elettrodomestici dovrebbe prevedere il mantenimento del limite di spesa pari a 10.000 euro ed è da considerarsi complessivo sia di arredi che di elettrodomestici. Per altre informazioni si rimanda alla lettura di: https://www.informazionefiscale.it/bonus-mobili-elettrodomestici-2019-proroga-detrazione-come-funziona-spese-requisiti.

Attenzione alla modalità di pagamento delle spese sostenute

bonus mobili ed elettrodomestici

bonus mobili ed elettrodomestici

La richiesta delle detrazioni fiscali casa, a cui fa capo il bonus mobili ed elettrodomestici, deve essere inoltrata attraverso la compilazione degli appositi spazi riservati alle detrazioni fiscali nella dichiarazione dei redditi, quindi la detrazione va indicata in fase di presentazione del modello 730 o del modello Redditi PF. Durante la fase di pagamento delle spese è bene rispettare le precise modalità indicate dall’Agenzia delle Entrate, di fatto la detrazione sugli acquisti di mobili ed elettrodomestici è valida solo se i contribuenti eseguono i pagamenti con bonifico, carta di debito o carta di credito, invece non hanno diritto alle detrazioni gli acquisti che vengono pagati con assegni, contanti ed altri mezzi di pagamento non rintracciabili.

Pubblicità