Calcolo imposta di registro contratti di locazione: canone concordato

Calcolo imposta di registro contratti di locazione ed imposta di bollo

Per legge è necessario procedere con la registrazione del contratto ed effettuare il pagamento delle relative imposte, in tal caso per procedere con il calcolo imposta di registro contratti di locazione è meglio recarsi presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate, in alternativa si può adoperare il canale online messo a disposizione dallo stesso ente sulla pagina ufficiale del sito. Indipendentemente dall’entità del canone è obbligatorio procedere con la registrazione del contratto di locazione ad uso abitativo, il solo contratto che non è soggetto a registrazione è quello transitorio che dura meno di 30 giorni. Nel caso di proprietari che hanno almeno dieci immobili è necessario utilizzare la via telematica. Per avviare la registrazione del contratto si paga come imposta di registro  una somma pari al 2% del canone annuo, moltiplicato per la durata del contratto che prevede ad esempio 4 annualità oppure 3 rinnovabili. Vanno poi ad aggiungersi altre spese relative al pagamento dell’imposta di bollo che nel caso di contratti che durano più di un anno può essere pagata in unica soluzione potendo così usufruire di una detrazione pari alla metà del tasso di interesse legale moltiplicato per il numero delle annualità; se invece si sceglie di effettuare il pagamento annuale allora l’importi è pari al 2% del canone totale, soggetto comunque ad adeguamento Istat. Per altre informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Calcolo imposta di registro contratti di locazione ed immobili strumentali.

Calcolo imposta di registro in caso di canone concordato

calcolo imposta di registro contratti di locazione

calcolo imposta di registro contratti di locazione

Un discorso a parte va fatto in merito all’imposta di registro da pagare nel caso di affitto di un immobile destinato ad uso residenziale caratterizzato da un canone concordato, una soluzione che di solito interessa quelle zone geografiche in cui si risente di un’alta densità abitativa, in tal caso per procedere con la determinazione dell’imposta di registro bisogna tener conto della specifica riduzione del 30% dell’imponibile su cui calcolare la suddetta tassa, che deve essere calcolata sul 70% del canone annuo. Ulteriori notizie si trovano su Imposta di registro contratto di locazione commerciale: per regolare la registrazione.

Pubblicità