Cosa si intende per Iva sulla prima casa

Cosa si intende per Iva sulla prima casa e casi di cessione del bene

Alla domanda cosa si intende per Iva sulla prima casa bisogna rispondere che si tratta di una specifica agevolazione fiscale relativa all’acquisto di un bene immobiliare da destinare a residenza principale. Per cui il contribuente che acquista un bene immobiliare da un costruttore si trova nella condizione di dover pagare l’Iva del 4% invece dell’imposta di registro pari al 3%. Se si decide di vendere il bene e riacquistarne uno nuovo sempre con le stesse caratteristiche di destinazione d’uso, per non perdere i benefici ottenuti sull’acquisto della prima casa è necessario che l’acquisto avvenga entro un anno dalla cessione del precedente bene immobiliare e che l’immobili rientri nelle categorie catastali che possono godere dei benefici fiscali. Per poter ottenere la fruizione dei benefici prima casa la vendita ed il successivo riacquisto devono avvenire entro un anno dalla, altrimenti decade l’agevolazione relativa alla prima casa per cui è necessario procedere al riversamento dell’agevolazione fiscale che consistente nella minore imposta di registro. Per altre informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Iva agevolata prima casa ed acquisto pertinenze.

Casi di applicazione della suddetta agevolazione

Iva sulla prima casa

Iva sulla prima casa

Schematicamente quindi si possono elencare le condizioni in cui è possibile ottenere in campo edilizio l’applicazione dell’agevolazione fiscale pari all’ aliquota Iva al 4%, si tratta di casi quali: acquisto di un bene immobiliare da destinare a prima casa da parte del costruttore; per la costruzione o ristrutturazione della prima casa o seconda abitazione; se si eseguono degli interventi che rientrano nella categoria dei lavori extracapitolato con il costruttore, tenendo conto delle esigenze del soggetto che acquista. Le agevolazioni fiscali che il contribuente può riscattare possono essere ottenute nel caso di lavori che permettono di apportare delle migliorie che rientrano nell’ambito della ristrutturazione della propria prima casa, i lavori vanno concordati comunque direttamente con l’impresa costruttrice del bene immobiliare, che a sua volta li ha fatturati all’acquirente. Si rinvia per approfondimenti all’articolo Recupero Iva prima casa: condizioni di riscatto.

Pubblicità