Dichiarazione Iva 4 prima casa: la relativa documentazione

Dichiarazione Iva 4 prima casa

Per poter usufruire delle aliquote ridotte per quanto riguarda l’Iva agevolata nell’ambito dell’edilizia occorre presentare la specifica dichiarazione Iva 4 prima casa di cui si reperiscono diversi modelli fac simile sul web. Dopo aver verificato che è possibile usufruire dell’aliquota agevolata del 4% sulla prima casa è necessario presentare l’autocertificazione al rivenditore in questo modo si potrà ottenere l’agevolazione fiscale. Il pagamento dell’Iva deve essere corrisposto dal rivenditore dell’immobile, al quale spetta l’incarico di verificare se l’acquirente possa richiedere questa agevolazione nel pieno rispetto dei requisiti previsti dalle norme. Per avanzare la richiesta di poter usufruire dell’agevolazione Iva al 4% l’acquirente deve rilasciare la relativa documentazione che prevede una serie di certificazioni che riguardano i dati anagrafici della persona fisica che avanza la richiesta dell’Iva ridotta; bisogna anche indicare le modalità di impiego dell’unità immobiliare. La documentazione deve anche evidenziare i dati catastali dell’immobile, con la relativa motivazione dell’applicazione dell’Iva agevolata, in questo caso bisogna far riferimento al fatto che si tratta di un immobile destinato ad essere impiegato come prima casa, segnalando così la tipologia del fabbricato. Maggiori notizie si trovano su Acquisto prima casa da costruttore: le nuove normative.

Iva agevolata quando può essere applicata

dichiarazione Iva 4 prima casa

dichiarazione Iva 4 prima casa

Nello specifico l’Iva agevolata al 4% può essere applicata per l’acquisto di immobili già finiti ma anche per la costruzione di nuovi immobili. In base a quanto sancito dal Dpr n. 633/1972 per poter beneficiare di questa agevolazione fiscale l’immobile deve sottostare a dei precisi requisiti quali: deve essere un immobile da ascrivere nella tipologia di prima casa; si può trattare anche di un fabbricato rurale da destinare ad un’abitazione; l’immobile deve ricadere nell’ambito degli edifici Tupini, fabbricati adibiti allo stesso tempo ad abitazioni, negozi ed uffici; l’Iva agevolata al 4% può essere richiesta anche in merito agli interventi che vengono eseguiti su una nuova costruzione. Per approfondimenti si rimanda alla lettura dell’articolo Agevolazioni per acquisto prima casa: diverse modalità.

Pubblicità