E’ possibile risparmiare sui costi acquisto prima casa?

Pianificare per affrontare i costi acquisto prima casa

Proviamo a rispondere alla domanda posta nel titolo, è possibile risparmiare sui costi acquisto prima casa? Per affrontare questa situazione particolare bisogna innanzitutto conoscere bene i regolamenti statali che consentono di avere delle agevolazioni fiscali prima casa, considerata un bene primario e un diritto incontestabile che va tutelato e valorizzato con una giusta organizzazione economica e fiscale. Nonostante gli aiuti fiscali e le sovvenzioni pubbliche per agevolare l’acquisto prima casa e sostenere il suo mantenimento, l’accensione di un mutuo o la raccolta di un risparmio per acquistare l’abitazione principale rimane un impegno per molti insostenibile e comunque faticoso. Precisiamo che le tariffe fiscali agevolate prima casa su Iva, imposte catastali, ipotecarie e di registro vengono applicate a determinate unità inserite nelle categorie di catasto non considerate di lusso e con un costo proporzionato al valore dell’appartamento. Un’abitazione principale con agevolazioni destinata ad una giovane coppia o ad una famiglia può costare tra i 100.000 euro e i 300.000 euro, qualcuno è riuscito ad entrare nel regime di agevolazioni acquistano due case contigue da unire in una per ospitare famiglie numerose. Tenendo conto del possibile aiuto dello Stato, l’importante operazione da fare è la pianificazione della spesa da affrontare e del futuro mutuo da sostenere. Esistono specifici programmi di accumulo acquisto prima casa e aiuto acquisto destinati alla progressiva formazione del credito necessario per acquisire la nuova casa, accedere ad un mutuo, pagare le prime caparre che consentono la prima abitabilità, ricordiamo che la legge non esclude la possibilità di affittare la prima casa senza perdere le agevolazioni fiscali, è importante che questa sia registrata nel comune di ubicazione e residenza della persona. 

Le nuove tariffe e gli aiuti statali per sostenere le spese di acquisto

costi acquisto prima casa

costi acquisto prima casa

Pensando ai costi acquisto prima casa, le spese fiscali rappresentano forse l’entità minore da dover sostenere. Leggendo i precedenti articoli del nostro sito, vedrete che per il 2014 sono previste nuove tariffe che abbassano le percentuali per l’acquisto tra privati e aumentano leggermente le tariffe ad unico prezzo in tutti gli altri casi previsti di compravendita. Tolte le spese fiscali burocratiche che si pagano direttamente dal notaio al momento del rogito, per sostenere al meglio i costi acquisto prima casa è importante cercare il giusto mutuo che ci consenta di sostenere in una maniera equilibrata la spesa mensile da affrontare e permetta di cambiare il piano di pagamento nei momenti di forte difficoltà. PEr fare questo si possono usare importanti strumenti web chiamati confronta mutui o altri servizi finanziari. Ci consentono di vedere e monitorare le migliori banche e società finanziarie, nonché i servizi con i minori tassi di interesse che rappresentano sempre il surplus del piano di finanziamento (prestito) erogato per l’acquisto della prima casa.

Pubblicità