Ecoprestito vantaggi

Ecoprestito vantaggi

Gli incentivi economici proposti da Finco che fanno riferimento all’ecoprestito prevedono finanziamenti fino a 30.000 euro a tasso zero per almeno 2 anni in caso di interventi d’incremento di efficienza, ed in particolare dimostrano due principali vantaggi. L’introduzione dell’ecoprestito da parte di Confindustria Finco offre la possibilità a chi ne chiede accesso di restituire la somma di denaro elargita progressivamente all’amministrazione finanziaria dello Stato, che a sua volta si farà garante del contribuente. Inoltre questa forma di finanziamento può essere richiesto sia per eseguire lavori di efficientamento non solo in nuovi appartamenti, ma anche per apportare miglioramenti di tipo energetico su manufatti che compongono il patrimonio immobiliare già esistente. Con questa misura di tipo finanziario finalizzata ad interventi di ristrutturazione edile, Finco ha voluto offrire un’opzione di scelta rispetto agli incentivi per l’acquisto delle case previsti nel Decreto incentivi del Governo, in questo modo si potrà usufruire dell’ecoprestito fino ad un massimo di 30.000 euro per ciascun beneficiario. Per maggiori notizie sul tema si rimanda alla lettura di https://www.pgcasa.it/articoli/interni/ecoprestito-2019-come-funziona-e-come-richiederlo__14394.

Chi può richiedere gli incentivi

Ecoprestito

Ecoprestito

I soggetti possono così ottenere un prestito utile per coprire le spese relative a lavori di manutenzione su immobili propri o su beni immobiliari da affittare, questi fondi consentono di eseguire opere di ristrutturazione o di efficientamento. Non tutti possono avere diritto a questa forma di liquidità a tassi concorrenziali, di fatto l’ecoprestito spetta esclusivamente ad alcune classi di contribuenti quali: i proprietari di immobili ad uso abitativo; i nudi proprietari; i soggetti titolari di un reale diritto di godimento (in caso di usufrutto, abitazione o superficie, uso); gli imprenditori individuali a patto però che il bene immobiliare non risulti essere strumentale; i locatari ma anche i conduttori; i soci di cooperative; i soggetti che producono redditi in forma associata andando a costituire una società semplici in accomandita semplice oppure in nome collettivo; le imprese familiari.

Pubblicità