Evitare sanzioni rinuncia agevolazioni prima casa

Evitare sanzioni rinuncia agevolazioni prima casa

Per evitare di incorrere nelle relative sanzioni previste in caso di decadimento delle agevolazioni prima casa è possibile prima dei 18 mesi presentare l’istanza per la rinuncia del beneficio fiscale  in caso di impossibilità a trasferire la residenza, questa decisione prevede che venga pagata l’imposta differenziale e gli interessi legali. Una condizione imprescindibile per usufruire delle agevolazioni prima casa consiste nel presentare una dichiarazione durante la fase di acquisto del bene immobiliare che rivela l’impegno da parte dello stesso acquirente a spostare la propria residenza nel comune dove sorge l’immobile oggetto di agevolazione. Grazie a questa opzione non si incorre nelle sanzioni pari al 30% da calcolare sul 7% che rappresenta il differenziale tra l’imposta di registro versata con le modalità agevolate e 9% che rappresenterebbe l’aliquota piena senza applicazione delle agevolazioni in caso di acquisto prima casa. Per altre notizie su tale argomento si rimanda alla lettura di: http://www.tasse-fisco.com/case/rinuncia-gevolazione-prima-sanzioni-multe-18-mesi/8935/#ixzz59Xd2ivqX.

Istanza da presentare in caso di mancato cambio di residenza

 agevolazioni prima casa

agevolazioni prima casa

Nel caso in cui siano trascorsi i 18 mesi per la modifica della residenza l’agevolazione prima casa decade, se invece non sono ancora trascorsi e il soggetto non ha potuto trasferire la residenza allora si potrà revocare la dichiarazione presentare un’istanza all’ufficio territoriale competente presso il quale è stato registrato l’atto, chiedendo la riliquidazione dell’imposta nella misura ordinaria pagando il differenziale tra imposta agevolata ed imposta normale, dopo uesto passaggio viene ricalcolato l’importo evitando di incorrere nell’applicazione delle sanzioni anche se dovranno essere applicati gli interessi legali. Spetta poi agli uffici il compito di accertare eventuali violazioni entro il termine di 3 anni in modo da poter verificare se il contribuente che ha acquistato un immobile da destinare a prima casa beneficiando delle agevolazioni abbia rispettato tutti i requisiti soggettivi ed oggettivi previsti per ottenere i relativi benefici di tipo fiscale.

Pubblicità