Fondo di garanzia per l’acquisto e la ristrutturazione della prima casa

Fondo di garanzia per l’acquisto e la ristrutturazione della prima casa

La legge di Stabilità 2014 ha decretato l’introduzione del Fondo di garanzia per l’acquisto e la ristrutturazione della prima casa per il quale sono stati stanziati 600 milioni di euro da ripartire in 3 anni, a partire dal 2014 fino al 2016. In concreto la gestione diretta del fondo è affidata alla CONSAP Spa, mentre i cittadini che hanno i requisiti necessari possono accedervi mediante la richiesta di mutuo che viene così concesso con la garanzia del Fondo, ma l’accensione del mutuo deve essere fatta presso quegli istituti di credito bancario che hanno deciso di aderire all’iniziativa. Possono avanzare la richiesta per l’ottenimento di questa garanzia finanziaria chi ha necessità di acquistare un immobile da destinare a propria abitazione tenendo conto che l’importo massimo concesso per il mutuo è di 250mila euro; l’agevolazione può essere richiesta anche in caso di lavori di ristrutturazione oppure di accrescimento dell’efficienza energetica dell’abitazione dove si stabilisce la prima casa. Il Governo ha destinato principalmente i mutui garantiti dal Fondo a delle specifiche categorie di cittadini: le giovani coppie, i giovani con meno di 35 anni con contratto di lavoro atipico, i nuclei familiari dove è presente un solo genitore con figli minori. Per altre informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Requisiti prima casa e muti del Fondo Consap Spa.

Modalità di richiesta all’ammissione al mutuo

Fondo di garanzia per l’acquisto e la ristrutturazione della prima casa

Si può usufruire del Fondo di garanzia per l’acquisto e la ristrutturazione della prima casa solo nel caso in cui l’immobile appartenga alle categorie catastali A1, A8 e A9. La domanda con cui si può venir ammessi al Fondo deve essere compilata ed inviata per via telematica alla Consap (Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici) da parte della banca scelta per accendere il mutuo, dopo aver preso visione della richiesta la Consap assegna alla domanda di ciascun richiedente un numero con cui si identifica esclusivamente l’ordine di arrivo; successivamente in base alla base della disponibilità del Fondo, entro 20 giorni si comunica al finanziatore l’ammissione alla garanzia. Va precisato che quindi il mutuatario ha l’obbligo di restituire le somme del finanziamento ed i relativi interessi maturati dal giorno del pagamento fino alla data del rimborso ed alle spese sostenute per il recupero. Ulteriori notizie su Requisiti prima casa: quando decadono le agevolazioni.

Pubblicità