Fondo di garanzia per i prestiti bancari 2018

Fondo di garanzia per i prestiti bancari 2018

Per offrire alle famiglie un accesso più semplice ai prestiti finalizzati all’ambito dell’edilizia privata è stato prorogato il Fondo di garanzia per i prestiti bancari 2018, con questa misura si sostengono anche i cittadini che vogliono usufruire delle detrazioni non avendo problemi di liquidità. Il Fondo di garanzia per i prestiti bancari viene alimentato con risorse del ministero dell’Ambiente e dello Sviluppo economico, si può così contare su 50 milioni l’anno tra il 2018 e il 2020: l’erogazione alla fine del periodo prevede una capienza totale di 150 milioni di euro. Le famiglie a basso reddito potranno in questo modo avere accesso diretto e più facile ai prestiti bancari, nello specifico questo Fondo rilascia garanzie nella misura massima del 50% della quota capitale su mutui ipotecari o su portafogli di mutui finalizzatii all’acquisto di un immobile da destinare ad abitazione principale, inoltre può essere richiesto un prestito per coprire le spese relative ad interventi di ristrutturazione ed accrescimento di efficienza energetica di immobili destinati ad abitazione principale; vengono coperte anche i costi su opere che permettono di migliorare l’efficientamento energetico. Per maggiori informazioni su tale argomento si rimanda alla lettura di http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2017-10-23/bonus-mobili-proroga-secca-2018-203415.shtml?uuid=AE2Fz6tC&refresh_ce=1.

La principale finalità che ha portato ad istituire il Fondo

Fondo di garanzia per i prestiti bancari 2018 300x201 - Fondo di garanzia per i prestiti bancari 2018Vengono ammessi alla garanzia di questo Fondo i mutui ipotecari stanziati daparte delle banche o da intermediari finanziari per un importo che non deve superare il tetto massimo di 250 mila euro, mentre per quanto riguarda i beneficiari il Fondo si rivolge all’acquisto di immobili ad uso abitativo che non sono censiti nelle categorie catastali A1, A8 e A9 o con caratteristiche di lusso. In particolare il Fondo di garanzia, oltre a contrastare la crisi economica e la stretta del credito, cerca di rendere più utilizzabile l’Eco bonus, offrendo così delle maggiori garanzie sui prestiti finalizzati alle operazioni di riqualificazione energetica.

Pubblicità