Help to buy di cosa si tratta

Pubblicità

Help to buy di cosa si tratta

Nel mercato immobiliare per incentivare la vendita di beni immobiliari sono state adottate diverse misure che favoriscono la compravendita, e tra le nuove formule che si sono imposte di recente anche in Italia, che consentono all’acquirente di rateizzare il pagamento nel tempo ed al venditore di tutelarsi, bisogna segnalare l’help to buy. Come funziona il meccanismo dell’help to buy? In pratica è necessario stipulare un contratto di vendita preliminare, mentre il venditore è tenuto a versare rate ed acconti fino al 20-30% del prezzo pattuito si chiede poi alla banca un mutuo per coprire il resto della spesa; dapprima si stipula un contratto preliminare in forma notarile (l’immobile viene consegnato da subito al promissario acquirente) e dopo si procedere alla consegna del bene immobiliare ai diretti acquirenti. Questa formula per la compravendita immobiliare prevede la stipula di un contratto preliminare, nel quale inserire tutte le condizioni da rispettare, in particolare si segnala il pagamento previsto, con versamento iniziale di una caparra confirmatoria o di un acconto pari ad almeno il 10 o 15% del prezzo pattuito, a cui seguiranno dei pagamenti periodici sotto forma di acconti in grado di tenere conto delle eventuali spese ed oneri fiscali rimaste a carico del venditore; raggiunto il pagamento di almeno il 30% del costo dell’immobile, l’acquirente potrà chiedere un mutuo alla banca e passare alla stipula del rogito.  Maggiori informazioni su http://www.affaritaliani.it/rubriche/affari_casa/nuove-modalita-compravendita220513.html?refresh_cens.

Pubblicità

Perché affidarsi a questa formula

help to buy
help to buy

La formula dell’help to buy è stata ideata con lo scopo di offrire un sostegno a coloro che vorrebbero acquistare una casa, ma non dispongono della liquidità necessaria con cui poter richiedere un mutuo per poter così finanziare la compravendita. In alternativa alla tradizionale stipula di un contratto di compravendita immobiliare, che coincide con il pagamento del saldo del’importo dovuto dall’acquirente al venditore, si ricorre a questa prassi che cerca di andare incontro a tutta quella schiera di acquirenti che non dispone dei soldi necessari per pagare e non può accedere un mutuo presso una banca ma può servirsi del finanziamento concesso in fora indiretta dallo stesso venditore.

Pubblicità

Be the first to comment

Leave a Reply