Imposta di registro prima casa e seconda casa indicazioni

Imposta di registro prima casa e seconda casa

Il livello di tassazione in caso di trasferimento di un bene immobiliare prevede il pagamento della relativa imposta di registro prima casa nel caso in cui la titolarità dell’abitazione sia costituita da un soggetto privato. Per cui nel caso di acquisto da privato, con vendita esente da Iva, si devono pagare le seguenti tassazioni: imposta di registro 2% , imposta ipotecaria fissa di 50 euro, imposta catastale fissa di 50 euro. Nel corso del 2015 si sono consolidate alcune modifiche relative all’introduzione di riduzioni e aumenti di imposta in base al tipo di immobile acquistato che si traducono con delle diverse determinazione delle imposte di registro, ipotecaria e catastale. Per cui riassumendo le varie opzione si evince che quando nell’atto di compravendita è prevista l’applicazione dell’imposta di registro al 9% oppure al 2%, se si tratta di prima casa, l’imposta ipotecaria e quella catastale vengono calcolate in misura fissa pari a 50 euro ognuna. Per altre informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Imposta di registro prima casa compravendita tra privati.

Imposta di registro 2015 seconda casa

imposta di registro prima casa

imposta di registro prima casa

Nel caso in cui il trasferimento di un immobile da un privato al compratore è relativo ad un immobile ad uso abitativo che funge da seconda casa si deve versare come imposta di registro un tributo pari al 9% a cui si aggiunge il 10% tra imposta di registro al 7%, ipotecaria al 2% e catastale all’1%, per cui oltre all’imposta di registro si devono corrispondere le specifiche imposte ipotecaria e catastale in misura fissa pari ognuna a 50 euro. Se l’acquisto vede come soggetti attivi l’acquirente ed  un’impresa costruttrice oppure intermediaria allora il trasferimento è soggetto all’applicazione dell’Iva, per cui la base imponibile per poter determinare l’imposta di registro, ipotecaria e catastale va calcolata sulla base del prezzo concordato tra le parti nell’atto di compravendita con misura fissa di 200 euro. Maggiori notizie si trovano su Imposta di registro prima casa iter burocratico.

Pubblicità