IMU e IMU prima casa: allarme dei CAF per il pagamento del saldo

Nuova scadenza per IMU e IMU prima casa

L’IMU torna in questi giorni al centro dell’attenzione e crea particolare allarme per i contribuenti.

Come è noto, infatti, il prossimo 17 dicembre scade il pagamento del saldo per il pagamento dell’IMU per tutti coloro che hanno scelto di rateizzare il pagamento in tre soluzioni. I primi due acconti sono stati pagati calcolando le aliquote di base (0,4% per le abitazioni principali e 7,6% per gli altri immobili), uguali per tutti i comuni d’Italia.

Per avere ulteriori informazioni consultare gli articoli Ici prima casa: l’imposta comunale sugli immobiliIMU prima casa: tutto quello che c’è da sapere all’interno dei quali è possibile trovare numerosi altri dettagli e approfondimenti su requisiti, modalità di calcolo, procedure, e alcuni casi specifici.

Quali sono i motivi di allarme

Secondo i dati resi noti dai CAF saranno oltre 11 milioni i contribuenti che nei prossimi giorni chiederanno assistenza agli sportelli per la compilazione del modello che prevederà il calcolo dell’aliquota applicata dai vari comuni e del conguaglio. Tenuto conto del fatto che i Comuni hanno avuto tempo fino al 31 ottobre scorso per modificare le aliquote e dovranno

IMU prima casa pagamento saldo

IMU prima casa pagamento saldo

renderle pubbliche nei successivi 30 giorni, i CAF dovranno reperire tutti i dati necessari per una adeguata assistenza ai contribuenti.

A tali difficoltà si aggiunge il fatto che ancora non è stata approvato il modello di dichiarazione IMU e le relative istruzioni. Tali circostanze hanno indotto i CAF ad inviare a circa 8000 comuni la richiesta di ottenere le delibere ed i relativi regolamenti in tempo utile . Rispetto a tale richiesta, tuttavia, sembrerebbe che solo 1500 hanno risposto all’appello. La mancata risposta, unitamente alle difficoltà sopra descritte, hanno indotto il presidente dei CAF a chiedere al Governo una proroga dei termini per la presentazione della dichiarazione IMU fissandola al 31 dicembre 2012 senza applicazione delle sanzioni.

Pubblicità