IMU prima casa: scadenze e modalità di pagamento della seconda rata

Scadenza della seconda rata IMU prima casa

Mancano davvero pochi giorni alla scadenza fissata per il prossimo 16 settembre, che cadendo di domenica consente lo slittamento fino al 17, per il pagamento della seconda rata dell’IMU prima casa, cui sono sottoposti i contribuenti che hanno scelto di rateizzare il pagamento in tre soluzioni. Per la seconda rata le modalità ed il costo sono praticamente identici a quelli già sostenuti nel mese di giugno. La situazione cambierà a dicembre con la scadenza per il pagamento dell’ultima rata sulla quale graverà l’aliquota che i Comuni avranno deliberato di adottare e che, secondo indiscrezioni, oscillerà tra lo 0,2% e lo 0,6%. Per avere ulteriori dettagli riguardanti le agevolazioni prima casa inerenti all’importo dell’IMU consultare l’articolo IMU prima casa: novità tra le agevolazioni fiscali 2012.

Modalità di calcolo della rata

Per calcolare la rata, i contribuenti dovranno moltiplicare il valore catastale della rendita catastale dell’immobile per 160 (rivalutata del 5%), applicando l’aliquota base che ammonta al 4 per mille sulla prima casa e al 7,6% sugli altri immobili, meno le eventuali detrazioni forfettarie di euro 200, che la norma concede per ogni figlio a carico di età inferiore ai 26 anni.

IMU prima casa seconda rata

IMU prima casa seconda rata

In pratica il pagamento della seconda rata, analogamente alla prima, risulta pari al 33% rispetto all’aliquota base. L’unica differenza, non di poco conto, sta nella compilazione del modulo F24, indispensabile per effettuare il pagamento.

Infatti, nel caso specifico dovremmo compilare il campo “rateazione mese di riferimento”, indicando come codice 0202 invece di quello 0102 che abbiamo valorizzato in occasione del pagamento della prima rata.

Nel modello F24, inoltre, occorrerà riscrivere i dati della precedente compilazione relativi alla riga 3912 che riguarda l’abitazione principale e le sue pertinenze.

Si ricorda che non sono soggetti al pagamento i proprietari di immobili rurali.

 

Pubblicità