La stangata del saldo dell’Imu prima casa

Il conto alla rovescia dell’IMU prima casa

Il conto alla rovescia per il saldo dell’IMU prima casa è ufficialmente iniziato. Il prossimo 17 dicembre, infatti, scadono i termini per il pagamento della terza rata dell’IMU, introdotta quest’anno in sostituzione della vecchia ICI. Il pagamento del saldo, come e’ noto, e’ vincolato alla decisione da parte dei comuni della aliquota da applicare. I dati comunicati dagli enti non sono sicuramente incoraggianti. Si stima, infatti, che l’IMU e’ aumentata in oltre 3000 comuni italiani. Sono 833 comuni hanno confermati le aliquote delle precedenti rate e solo 83 comuni hanno deciso di abbassarla. Per le seconde case, l’aliquota media applicata si aggira intorno al 9,1 per mille, con un incremento del 19,7% rispetto alla prima rata.

All’interno del nostro portale esistono numerosi altri approfondimenti inerenti l’IMU prima casa. Nel caso necessitassi di ulteriori informazioni a riguardo, ti suggeriamo la lettura dei due recenti articoli di approfondimento IMU e IMU prima casa: allarme dei CAF per il pagamento del saldo e Ici prima casa: l’imposta comunale sugli immobili.

Imu e le aliquote per la prima casa applicate dai comuni

Imu prima casa stangata saldo

Imu prima casa stangata saldo

Se si considera invece la prima casa, la situazione delle aliquote appare decisamente differente. In questo caso, infatti, 1500 comuni hanno scelto di incrementare l’IMU prima casa, contro 2300 che hanno preferito mantenerla invariata. Sono 307 comuni hanno preferito abbassarla. Le aliquote medie applicate per la prima casa si aggirano intorno al 4,36 per mille, maggiore di circa il 9% rispetto alle rate La aliquote imu nelle grandi città Nelle grandi città italiane, 39 sindaci hanno applicato un aumento dell’ imposta (ad esempio Roma e Catania), mentre 45 sindaci hanno deciso di mantenere il costo dell’IMU invariato, confermando l’aliquota del 4%. Solo 8 città tra cui Vercelli, Siracusa, Nuoro e Lacce l’hanno diminuita. Roma resta una delle città più tassate d’Italia con un costo dell’IMU di 639 euro. Seguono Milano con 427 euro e Rimini con 414.

Pubblicità