Iva 10 agevolata ristrutturazioni di tipo edilizio

Iva 10 agevolata ristrutturazioni di tipo edilizio: cosa si intende

Gli interventi di riparazione e quelli di sostituzione di elementi relativi ad un bene immobiliare e quelli relativi alla modifica di impianti possono beneficiare dell’Iva 10 agevolata che viene applicata sulle ristrutturazioni di tipo edilizio. I lavori di ristrutturazione permettono quindi di intervenire trasformando l’aspetto estetico di un’unità ad uso abitativo, rientrano nelle agevolazioni fiscali quella serie di lavori che possono modificare in parte o completamente l’organismo edilizio. La circolare n. 57/1998 permette di identificare gli interventi di ristrutturazione edilizia a cui poter applicare le agevolazioni di tipo fiscale, più precisamente i lavori che rientrano nella menzione di ristrutturazione edilizia permettono di riparare oppure di trasformazione l’organismo edilizio dando forma così ad un bene immobiliare parzialmente o totalmente differente. L’applicazione dell’Iva al 10% è quindi prevista per quella serie di interventi di recupero edilizio, ma può essere anche applicata per l’acquisto di beni finiti, con questo termine si fa riferimento a quei beni che pur essendo destinati ad essere incorporati all’interno di un edificio continuano a mantenere la propria specificità, si fa riferimento a beni quali: sanitari, porte, finestre, infissi esterni, caldaie. Per maggiori notizie si rimanda all’articolo Iva ristrutturazione prima casa: quando si applica l’agevolazione.

Lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria

Iva 10 agevolata ristrutturazioni

Iva 10 agevolata ristrutturazioni

Quando si parla di ristrutturazione edilizia bisogna far riferimento a lavori di manutenzione ordinaria e lavori di manutenzione straordinaria ma anche agli interventi di restauro e risanamento conservativo realizzati su immobili residenziali. Il regime agevolato che prevede l’applicazione dell’Iva ridotta al 10% presenta delle limitazioni nel caso in cui i lavori siano rivolti ad un bene immobiliare dotato di un valore significativo, in questo caso l’aliquota agevolata si applica fino alla copertura della somma relativa alle attività svolte considerata al netto del valore dei beni. Questo tipo di agevolazioni possono essere applicate sia nel caso in cui l’acquisto viene eseguito dal committente dei lavori, sia quando i beni da utilizzare per la ristrutturazione vengono fatti dalla ditta di costruzione a cui è stato commissionato il lavoro. Altre notizie su Ristrutturazione prima casa e novità per il 2015.

Pubblicità